3 escursioni da fare all’isola di Ponza


L’isola di Ponza è la più grande delle isole pontine, l’arcipelago che si affaccia di fronte alle coste laziali. Grazie alle sue coste irregolari – composte da baie frastagliate e rocciose, suggestivi faraglioni e grotticelle – Ponza ha mantenuto il suo fascino selvaggio, salvandosi dalle deturpazioni architettoniche. Ha una forma allungata, separata dall’isola di Gavi da un braccio di mare di 120 metri.

In questo articolo troverete dei suggerimenti su cosa fare a Ponza, con tutte le informazioni per raggiungere l’isola e come organizzare il viaggio.

Adoro le isole perché sono piccole e raccolte, spesso si girano a piedi, lentamente, consentendo di vivere il viaggio in una dimensione umana, più intensa e meno frenetica. Oltre ai borghi, amo i villaggi di pescatori addossati sui dolci pendii delle colline o inerpicati su promontori a picco sul mare color zaffiro. Mi piacciono tutti gli aspetti che sono legati alla vita di mare: le barche che ormeggiano sull’acqua, i colori intensi delle spiagge, le calette su cui è possibile rilassarsi e farsi inondare da tutte le tonalità calde dei tramonti. E tutto ciò lo troverete a Ponza.

 

isola di ponza

credit photo: Charl2503

 

Come raggiungere l’isola di Ponza:

Per arrivare sull’isola, è possibile imbarcarsi da Anzio (RM) con il traghetto, che impiegherà un’ora e quarantacinque minuti, oppure da Formia (LT), da San Felice Circeo o Terracina. Potete consultare questo sito per conoscere tutte le offerte e gli orari dei traghetti per Ponza.

 

Visitare l’isola di Ponza fuori stagione:

Mi piace visitare queste località nei periodi di bassa stagione, quando sono poco popolate, semideserte, quando è possibile godere di lunghi attimi di silenzio.

Ecco perché mi sento di consigliare un weekend a Ponza nelle ultime settimane di agosto o a inizi settembre, periodo ideale per sottrarsi alla routine quotidiana in tutta tranquillità.

Sono stata in questa isola nel 2010, prima di partire per la Cina. Ogni tanto, però, torno qui con la mente, viaggiando attraverso gli scatti di instagrammers che immortalano l’isola con scatti sinceri, poco patinati.

 

isola-di-Ponza

credit photo: Paolo Fefè

isola-di-Ponza credit photo: Agostino Zamboni

isola-di-Ponza

credit photo: Agostino Zamboni

Escursioni da fare all’isola di Ponza:

L’isola di Ponza è piccolina, è quindi possibile effettuare delle gite in giornata. Ecco qui quelle che ho selezionato per voi.

 

Grotte di Pilato:

appoggiandosi ad associazioni locali, potrete organizzare delle gite alle grotte di Pilato, si tratta dei resti di murature romane, appena fuori il Porto di Ponza, utilizzate in epoca romana per allevare le murene. Sopra di esse si trova una villa romana, appartenuta ad Ottaviano Augusto e risalente al I secolo a.C. Il nome ‘Pilato’ deriva da Pilato di Giudea e il luogo è conosciuto anche con i nomi di ‘bagni di Pilato’. All’epoca esporsi ai raggi solari e fare il bagno era considerata un’abitudine plebea, per questo gli antichi patrizi si recavano alle grotte nelle calde serate estive, per mantenere la pelle chiara. All’interno delle nicchie ricavate nella roccia, alloggiavano statue di divinità pagane. Qualche anno fa è stata ritrovata una statua di marmo bianco raffigurante un Apollo o un Dioniso.

 

Il fieno:

è l’area dell’isola destinata alle piantagioni di viti e alla coltivazione di legumi. Si raggiunge sia via mare che via terra. Dopo l’approdo si prosegue su un sentiero dove si erge il rudere di un antico corpo di guardia.

 

Giardino botanico:

Chi mi segue su Instagram sa quanto io ami anche i giardini, ecco dunque che fra le varie escursioni non poteva mancare una visita al giardino botanico, che ricopre la collina del Belvedere Borbonico, fondato negli anni Ottanta da Biagio Vitiello per tutelare le specie floristiche tipiche del Mediterraneo e le varie tipologie di uccelli che vi nidificano.

 

 

 

*Le immagini presenti in questo articolo e in copertina appartengono ai loro legittimi proprietari e il loro uso ha il solo scopo divulgativo.


Ti è piaciuto questo articolo? Allora condividilo con i tuoi amici! 

Eliana Lazzareschi Belloni
About me

Scrittrice, web content writer, viaggiatrice. Viaggio con il corpo, la mente e lo spirito. Adoro la natura, i suoi colori e i suoi profumi. Mi piace leggere, ascoltare e immaginare.

YOU MIGHT ALSO LIKE

cammino di San Benedetto
Alla scoperta del cammino di San Benedetto
August 12, 2016
vacanza all'isola d'Elba
Vacanza all’isola d’Elba: mare ed esplorazioni
June 03, 2016
viaggi antistress nella natura
Viaggi antistress. Ecco come rigenerarsi con l’eco-terapia.
March 04, 2016
turismo-sostenibile
Turismo sostenibile: il mio modo di vivere i viaggi.
January 26, 2016
viaggiare-in-modo-ecologico
Come viaggiare in modo ecologico e (quasi) gratis  
November 27, 2015

2 Comments

Chiara Paglio
Reply luglio 12, 2016

Ponza la porto nel cuore. Sono stata tanti anni fa insieme alla mia famiglia e l'abbiamo esplorata in lungo e in largo. Mi piacerebbe tornare per vederla con occhi nuovi :)

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply luglio 13, 2016

    Anche a me piace tornare nei luoghi già visitati, soprattutto quelli in cui sono stata quando ero bambina e di cui ho un ricordo sbiadito.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *