6 motivi per cui il mare attrae i viaggiatori


Il mare attrae viaggiatori, scrittori e pittori in cerca di ispirazione. Sono in tanti a lasciarsi rapire dalla bellezza suggestiva e dall’aurea misteriosa di queste infinite distese d’acqua che sembrano baciare il cielo all’orizzonte. Il mare sussurra da secoli i suoi segreti, la sua storia ai raminghi, ai pescatori, ai viandanti.

Ieri stavo archiviando alcune foto di viaggi e ho ritrovato alcuni scatti fatti qualche anno fa. Improvvisamente mi è sembrato di percepire gli odori tipici dello iodio e della salsedine e mi sono abbandonata ad alcune riflessioni. Da sempre subisco il fascino del mare, ne sono profondamente attratta, tanto da cercarlo in ogni viaggio.

Non sono certo l’unica, scopriamo insieme 6 motivi per cui i viaggiatori scelgono il mare come meta per i loro viaggi.

 

#1 Rilassa ed è luogo di meditazione

Quando i miei pensieri sono ansiosi, inquieti e cattivi, vado in riva al mare, e il mare li annega e li manda via con i suoi grandi suoni larghi, li purifica con il suo rumore, e impone un ritmo su tutto ciò che in me è disorientato e confuso.
(Rainer Maria Rilke)

Il mare ha la capacità di distendere i nostri nervi. Il suono delle onde che si mescola con quello della risacca sugli scogli ha un enorme potere rilassante. In riva al mare ci spogliamo delle nostre angosce, che vengono catturate dalle onde che si riversano sulla spiaggia, si sciolgono fra la bianca spuma che sa di alghe e fondali misteriosi. Non si può non pronunciare un sorriso di fronte alle tinte dorate dei tramonti che si addormentano sulla superficie placida dell’acqua.

 

#2 Ci regala emozioni

Non si può essere infelice quando si ha questo: l’odore del mare, la sabbia sotto le dita, l’aria, il vento.
(Irène Némirovsky)

Il mare seduce lo spirito avventuroso dell’uomo, offre incredibili esperienze se si sceglie una gita in barca a vela o di attraversare le onde facendo surf; placa la nostra insaziabile curiosità quando facciamo snorkeling, regalandoci colori, emozioni.

Anche una passeggiata sulla sabbia dona magici momenti di raccoglimento. Chiudendo gli occhi e lasciando che il vento ci agiti i capelli, ci sferzi il viso, ci scuota gli abiti, ci facciamo cullare dalle potenti vibrazioni della natura.

 

#3 È pieno di vita

Al mare la vita è differente. Non si vive di ora in ora ma secondo l’attimo. Viviamo in base alle correnti, ci regoliamo sulle maree e seguiamo il corso del sole.
(Sandy Gingras)

I mari vibrano di una vita intensissima che nuota, scava, costruisce con le sue correnti, maree, le sue differenze di temperature e di salinità, con le sue onde, le sue calme e le sue tempeste. I suoi fondali, i suoi sedimenti, le ricchezze di colori, di vegetazione, di animali.

Inoltre, le località di mare pullulano di febbrile energia. Qui si riuniscono sportivi, amanti del surf, del beach-volley e tanto altro. Il lungo mare si tinge dei colori delle allegre bancarelle, nei bar si sorseggiano cocktail con frutti tropicali, i giovani si distendono sotto le palme accarezzate dalla brezza marina.

Insomma il mare accontenta i viaggiatori solitari, ma anche quelli a cui non dispiace socializzare e magari sognano un flirt estivo, sotto il caldo sole dorato.

  

#4 Rispecchia il nostro stato d’animo

Uomo libero, amerai sempre il mare!
Il mare è il tuo specchio: contempli la tua anima nel volgersi infinito dell’onda che rotola.
(Charles Baudelaire)

Il mare somiglia sorprendentemente all’animo umano. Furioso quando ruggisce con forza, flagella le spiagge deserte, sommerse e cancellate incessantemente dalla sua aggressività.

Sereno quando l’acqua fluisce dolcemente sulla battigia o contro le chiglie dei pescherecci, quando il vento si muove fra le vele e suona le corde tese come un’arpa.

 

#5 Odori, profumi, colori

Perché non c’è niente di più bello del modo in cui tutte le volte il mare cerca di baciare la spiaggia, non importa quante volte viene mandato via.
(Sarah Kay)

Ci regala incredibili e variegati paesaggi che vanno dalle sottili spiagge di sassi di Brighton, dove il mare sembra riflettere le sfumature di grigio del cielo striato di nuvole, alle falesie calcaree di Bonifacio a picco sul mare color zaffiro; dalle onde furiose che si rovesciano sulle rocce dei paesini colorati delle Cinque Terre, alle lande sperdute e selvagge delle isole Ebridi.

Il vento spira portando con sé il profumo della salsedine, spargendo quell’odore nelle viuzze con ristorantini, pub e negozi colorati.

 

#6 Ispira

Il mare incanta, il mare uccide, commuove, spaventa, fa anche ridere, alle volte, sparisce, ogni tanto, si traveste da lago, oppure costruisce tempeste, divora navi, regala ricchezze, non dà risposte, è saggio, è dolce, è potente, è imprevedibile. Ma soprattutto: il mare chiama.
(Alessandro Baricco)

Come non lasciarsi ispirare dal sole che colora di arancione gli scogli, sprigiona mille luci sull’acqua al tramonto, prima di tuffarsi nel mare? Dai bagnanti che se ne vanno lentamente a fine giornata, esausti, con gli asciugamani variopinti sulle spalle? Il viso immobile di qualche pescatore, lo sguardo perso verso l’orizzonte. Le lenze che penzolano dalle canne e i galleggianti rossi che dondolano sulle onde, apparendo e scomparendo.

Il mare è ricco di antiche leggende, come quella di Ero e Leandro, ma non possiamo dimenticare le intrepide avventure di Ulisse e di tanti altri personaggi.

La storia ci ha regalato scrittori come Byron, intrepido nuotatore e ‘pittore’ di paesaggi naturali, grande amante del mare.

 

In conclusione, non è dunque difficile comprendere perché il mare attrae i viaggiatori, i quali cedono al suo fascino misterioso, sia in località sperdute, che in teneri borghi storici.

E tu perché ami il mare? 

 

 

_____________________________________

se ti è piaciuto questo articolo metti un mi piace! 🙂

e condividilo con i tuoi amici! 

Eliana Lazzareschi Belloni
About me

Scrittrice, web content writer, viaggiatrice. Viaggio con il corpo, la mente e lo spirito. Adoro la natura, i suoi colori e i suoi profumi. Mi piace leggere, ascoltare e immaginare.

YOU MIGHT ALSO LIKE

regalo su planisfero
10 idee regalo per chi ama viaggiare
December 15, 2015

3 Comments

Werner Darveau
Reply agosto 31, 2015

Secondo alcuni, questo interesse si sviluppa quando il piccolo ancora nel grembo materno, "i suoni uditi prima della nascita il battito cardiaco della madre, la sua voce e lo stesso sangue che scorre all interno delle vene possiedono per lui un ritmo rassicurante," sostiene David Moore, professore di Psicologia al Pitzer College in California.

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply agosto 31, 2015

    Grazie per il tuo commento.
    Sono totalmente d'accordo con quanto sostiene David Moore. Il fatto stesso di essere immersi nell'acqua del grembo materno, porta inevitabilmente alla creazione di un legame indissolubile fra l'uomo e l'elemento acqua.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *