Corchiano e i suoi monumenti naturali


Dopo aver studiato a Roma per svariati anni, aver vissuto a Pechino per tredici mesi e poi a Londra per sei, dopo essere tornata nuovamente a Roma per lavoro, eccomi di nuovo a Corchiano, a godermi la mia seconda estate dopo lunghi periodi di pellegrinaggio.

Durante la mia adolescenza ho biasimato ogni singolo giorno i miei genitori per aver deciso di trasferirsi da Roma in un paesino di 4.000 abitanti. Si sa, i paesi non hanno molto da offrire ai giovani. I miei soggiorni all’estero, però, mi hanno aperto gli occhi sulla grande fortuna che ho avuto di crescere in campagna, nonostante sia sempre riuscita a trovare i miei angoli verdi anche in metropoli moderne.

Ci sono odori, profumi, piante e animali che i bambini di città non potranno mai conoscere e io sono grata per questo dono, è uno dei patrimoni più preziosi di cui godo e che conservo dentro di me durante i miei spostamenti.

fiori delle forre di Corchiano

Oggi vi parlo appunto del mio paese, il luogo in cui sono cresciuta, che mi ha ispirato racconti e fiabe per i miei fratelli minori e vi propongo dei percorsi naturalistici per una piacevole escursione domenicale.

Nonostante la sua piccola estensione territoriale, Corchiano possiede due monumenti naturali, quello di Pian Sant’Angelo e delle Forre, designazioni ottenute dalla Regione Lazio rispettivamente nel 2000 e nel 2008. In questo articolo vi parlo e vi mostro una parte delle Forre.

Rio Fratta che attraversa la valle del Sambuco

Come tanti altri paesini del viterbese, il centro storico del paese è di origine falisca, costruito su una rupe tufacea e le sue case di colore bruno hanno fondamenta ben solide nella roccia. Il borgo è costituito da un labirinto di viuzze strette, portoni di legno consumati dal tempo, piazzette suggestive. Tutto intorno si stagliano paesaggi rurali costituiti in gran parte da coltivazioni intensive di nocciolo, ulivo e vite.

Il paese è tutt’oggi testimonianza del passato con le sue tombe rupestri, le epigrafi etrusche, le cave falische e le ‘cavernette’ preistoriche. Si tratta per lo più di cavità poco profonde, scavate all’interno di pareti tufacee.

grotta della tagliata Vulsini

Il fondovalle offre uno scenario naturale degno di nota. Qui alberi e piante hanno creato un tortuoso dedalo di corridoi naturali con un soffitto intricato di rami che impedisce ai raggi del sole di penetrare. L’ambiente assume un’atmosfera magica, misteriosa. L’aria è intrisa di odore di terra umida e foglie marcite, l’edera si avvinghia intorno ai rami e il muschio si arrampica sui massi viscidi. Il paesaggio è traversato da sottili torrenti che s’insinuano in fossati ricchi di vegetazione

ruscello delle forre di Corchiano

ruscello nel fondovalle

Dopo il monumento ai caduti su via Roma, si prosegue in direzione della chiesa di Sant’Egidio. A sinistra si scende nella via cava, una tagliata viaria, detta ‘Cannara’, che si snoda fra due pareti di roccia nella crescente penombra, con vecchie cantine e magazzini in grotta. Qui è visibile un’incisione etrusca.

tagliata cannara

La stradina sfocia nell’ampia valle del Sambuco, percorsa dal Rio Fratta, un affluente del Tevere. Questa conchetta erbosa fa da scenario al Presepe vivente che si tiene ogni anno nel periodo natalizio e che attira visitatori dalle zone limitrofe. Molto suggestiva è la presenza di un ponticello romano del III d.C. che si affaccia sul torrente.

valle del sambuco

ponticello romano nella valle del sambuco

cascate del Rio Fratta

Oltrepassando il ponticello, sulla destra si prende un sentiero in terra battuta, costeggiato da una ringhiera di legno e felci, si procede verso le cascatelle che scorrono lungo una rupe di roccia.

A sinistra, invece, c’è la suggestiva tagliata ‘Vulsini’. Qui cavità rupestri incidono i fianchi delle pareti. La si percorre fino a sbucare sulla strada che porta a Fabrica di Roma.

tagliata vulsini

felce lungo la tagliata vulsini

tagliata vulsini

Link utili:

Qui trovate l’elenco e la descrizione degli eventi più importanti di Corchiano.

 

 

_____________________________________

se ti è piaciuto questo articolo metti un mi piace! 🙂

e condividilo con i tuoi amici!

Eliana Lazzareschi Belloni
About me

Scrittrice, web content writer, viaggiatrice. Viaggio con il corpo, la mente e lo spirito. Adoro la natura, i suoi colori e i suoi profumi. Mi piace leggere, ascoltare e immaginare.

YOU MIGHT ALSO LIKE

cascate di Monte Gelato
Una passeggiata alle suggestive cascate di Monte Gelato
October 13, 2017
lago della Duchessa
Trekking nel Lazio: escursione al lago della Duchessa
October 10, 2017
veduta su Rocca Calascio
Escursione a Rocca Calascio, il castello di “Ladyhawke”
September 15, 2017
eremo di San Michele Arcangelo
Trekking sulla cima del Redentore dei Monti Aurunci
September 12, 2017
veduta del fiume Tirino
In canoa sul Tirino, il fiume più limpido d’Europa
September 05, 2017
Vitorchiano
I 3 borghi nella roccia più suggestivi della Tuscia
June 15, 2017
Borgo di Bolsena
7 spunti per un weekend di relax a Bolsena
June 09, 2017
San Pellegrino in fiore
San Pellegrino in Fiore (video)
May 11, 2017
terme dei Papi
Relax nella Tuscia: tutte le terme di Viterbo
May 02, 2017

6 Comments

Giorgia
Reply marzo 10, 2016

Sei fortunata ad abitare in una zona così bella come la Tuscia! Io ho trascorso tantissime estati della mia infanzia in un paesino a due passi dal Lago di Bolsena e ne conservo ancora un ricordo stupendo ;-)

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply marzo 10, 2016

    Vero Giorgia, adoro questa zona e cerco sempre di promuoverla.
    Come si chiama il paesino?

      Giorgia
      Reply marzo 11, 2016

      Si chiama Valentano, lo conosci? Più che un paese penso sia una frazione, è davvero minuscolo e semisconosciuto ;-)

        Eliana Lazzareschi Belloni
        Reply marzo 11, 2016

        Sì Giorgia, ma non ci sono mai stata. Anche se è piccolo, gode della vista sul lago e quindi è un grande privilegio. A me piace molto il lago di Bolsena. Ho portato dei miei amici stranieri e se ne sono innamorati :)

          Giorgia
          marzo 12, 2016

          Io purtroppo sono diversi anni che non ci vado... L'ultima volta che sono stata da quelle parti ho visitato Vulci e il suo bellissimo castello... Ma appena il tempo si stabilizza un po' mi sono ripromessa di tornarci e trascorrere una giornata a bordo lago :-)

          Eliana Lazzareschi Belloni
          marzo 13, 2016

          Sì, fai bene, merita veramente e poi ci sono tantissime cose da vedere nella Tuscia :)

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *