Credere in se stessi: impara ad amarti e osa!    


 

Oggi voglio parlarti dell’importanza di credere in se stessi.

 

In questo blog ho più volte affrontato argomenti che esulano dal mondo dei viaggi, ma che per me sono parte integrante di quel viaggio più grande che è la vita. Questo prezioso dono di cui sono profondamente grata.

 

Qual è la cosa più difficile che ho imparato a fare in questi anni?

 

Credere in me stessa e continuare ad alimentare le mie aspirazioni quando nessuno mi supportava (non che ora io riceva l’approvazione da parte di tutte le persone che mi conoscono o circondando).

 

A un certo punto ho realizzato che ognuno di noi è un Universo con la propria individualità, intessuta di credenze ed esperienze differenti, perciò la mia vita è un percorso personale e non tutti possono avere la mia stessa visione.

 

Ho capito che non avrei trovato le risposte che cercavo negli altri e dopotutto gli altri, – non condividendo le mie stesse passioni e sogni (e non avendo raggiunto neanche i loro), – come avrebbero potuto consigliarmi o guidarmi?

 

Ricordati sempre che le persone non sono in possesso di verità assolute e le loro opinioni non devono scoraggiarti dall’intraprendere un certo cammino o dal fare certe scelte.

 

 

“Non lasciate che il rumore delle opinioni altrui zittisca la vostra voce interiore”

Steve Jobs

 

 

Nessuno ti conosce meglio di te stesso. Nessuno sa guardare profondamente dentro di te meglio di quanto sappia fare tu, credimi, neanche quelli che affermano di conoscerti perfettamente.

 

Allora osa. Rischia.

 

Vai per la tua strada e non fermarti.

 

Non farti schiacciare dal bisogno dell’approvazione altrui.

 

Hai paura di commettere errori e di fallire? Beh, sappi che nel momento in cui abbandonerai la tua comfort zone questo sarà inevitabile. Solo chi teme di esporsi non agisce, perciò non sbaglia mai.

 

La bella notizia è che i fallimenti sono solo temporanei e anche molto formativi.

 

Le difficoltà e gli ostacoli che si pareranno di fronte a te faranno da sprone e ti stimoleranno a migliorare, a crescere.

 

Ti avverto: dovrai avere tanta pazienza e imparare a essere tollerante al dolore, allo sconforto e alle delusioni.

 

Per raggiungere il successo dovrai sviluppare un’attitudine al rischio calcolato e tanta determinazione.

 

Sii sempre fiducioso nel tuo miglioramento, non avvilirti, altrimenti la tua autostima ne risentirà.

 

Il regalo più bello che possiamo fare a noi stessi è accettarci con i nostri limiti con la volontà di volerli superare.

 

Quando siamo esseri soddisfatti di noi stessi e di quello che facciamo non abbiamo bisogno di elemosinare amore e attenzioni dagli altri. Siamo coscienti del nostro valore e accettiamo nelle nostre vite solo persone che sappiano apprezzarci e rispettarci sinceramente, escludendo quelle che ci limitano.

 

Amare se stessi non significa essere egoisti, ma darsi valore e credere nelle proprie capacità e talenti.

 

Amare se stessi è essere animati da credenze potenzianti, il carburante delle nostre azioni. Perché dai pensieri nascono poi i comportamenti.

 

E l’amore che ho per me stessa mi ha insegnato a dire di no.

 

No alle situazioni in cui non mi sento a mio agio, in cui la mia spontaneità ne soffrirebbe.

 

No ai sentimenti sospesi a metà.

 

No al compiacere gli altri.

 

No alle collaborazioni che non mi rispecchiano.

 

No alle persone che non danno un reale valore al mio tempo.

 

Credere in se stessi significa agire come se fosse impossibile fallire.

 

Quindi abbatti quella visione limitante che ti mostra solo barriere. Tu puoi superarle, sai?

 

Non scaricare la responsabilità sugli altri perché l’unico ostacolo al tuo successo sei tu!

 

Quindi ti ripeto, credi in te stesso ma, soprattutto, amati!

 

 

 

 

 

 


Ti è piaciuto questo articolo? Allora fammi sapere cosa ne pensi! 

Eliana Lazzareschi Belloni
About me

Scrittrice, web content writer, viaggiatrice. Viaggio con il corpo, la mente e lo spirito. Adoro la natura, i suoi colori e i suoi profumi. Mi piace leggere, ascoltare e immaginare.

YOU MIGHT ALSO LIKE

soffione
Quello che ho imparato sulla pazienza
October 06, 2017
io in un campo di papaveri
Riparto da me! Perché essere felice è una scelta
September 19, 2017
ragazza che guarda il lago di Vico
Viaggiare per scoprire, non per evadere. Il mio modo di concepire il viaggio.
June 06, 2017
viaggio da sola
Perché viaggio da sola? E consigli utili per iniziare a farlo anche tu!
January 20, 2017
viaggiatrice al Lago di Vico
Riflessioni di fine anno di una viaggiatrice solitaria (2016)
December 30, 2016
io seduta sui gradini di tufo
Un anno di blog: quello che ho imparato
July 19, 2016
foto con taccuino, vecchia canon, passaporto
A Parigi con mia nonna
June 09, 2016
ragazza a Viterbo
Viaggiare senza fidanzato: sì o no?
May 13, 2016
viaggiatrice solitaria
Viaggio interiore alla scoperta di noi stessi
October 06, 2015

4 Comments

Sandra
Reply marzo 28, 2017

Sottoscrivo ogni parola! E aggiungo: le esperienze più belle, emozionanti e forti della mia vita sono state quelle che inizialmente non volevo fare per paura di sbagliare e per paura del giudizio degli altri, dunque la lezione mi è sempre più chiara, bisogna osare, seguire la propria onda ed uscire dalla comfort zone senza badare al chiacchiericcio di sottofondo prodotto da chi se ne sta lì a guardare e a giudicare senza muovere un dito per se stesso ;)

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply marzo 30, 2017

    È proprio così Sandra! Brava
    Meglio osare piuttosto che farsi divorare dai rimorsi per non aver provato.

La Folle
Reply marzo 29, 2017

Sembra un discorso banale e facile da farsi, ma non è assolutamente così. Fa effetto leggerlo, fa pensare. E soprattutto hai ragionissima. A fine giornata ci siamo noi a fare i conti con noi stessi, non quelli che parlano e credono di sapere tutto. Grazie Eli :)

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply marzo 30, 2017

    Esatto, Anna. Ho imparato a mie spese che ci saranno sempre quelli che ci giudicheranno o criticheranno, perciò meglio tapparsi le orecchie e andare avanti senza curarsi di loro.
    Grazie a te

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *