Empty Santa Maria della Scala: vi racconto la mia esperienza


Il 16 gennaio si è svolto il primo empty del museo Santa Maria della Scala di Siena, a cui ho preso parte insieme ad altri 11 Instagramers.

L’iniziativa è nata da un’idea di Around Siena in collaborazione con il direttore del museo, Daniele Pitteri per dare risalto alla mostra su Ambrogio Lorenzetti, pittore senese del trecento.

Dato l’interesse che la mostra ha suscitato, l’esposizione è stata prorogata fino ad aprile e vi consiglio caldamente di andarla a vedere, se ne avete la possibilità.

 

empty Santa Maria della Scala

“Il rosso? Sempre di moda”

Modella: Cris Jiménez

 

Cos’è un “empty museum“?

Un empty, che in inglese significa “vuoto”, è un progetto di comunicazione che consiste nel realizzare una visita esclusiva a porte chiuse (in orari o giornate di chiusura al pubblico) in cui un team di Instagramers si sbizzarrisce a scattare foto, a dare un’interpretazione personale e creativa degli ambienti della location.

Il primo empty della storia fu realizzato al Metropolitan Museum of Art di New York, sotto la regia di Taylor Newby, social media manager del museo, in collaborazione con il fotografo Dave Krugman.

Ora vi starete chiedendo: come ho ottenuto l’invito per partecipare a questo progetto?

 

empty Santa Maria della Scala

 

Contest fotografico #takeMeToSiena

Faccio un passo indietro. Il 18 dicembre il profilo Instagram di IgersItalia lancia il challenge fotografico #takeMeToSiena, chiedendo agli Instagram addicted di rappresentare fotograficamente una scala, simbolo del Museo Santa Maria della Scala. Gli organizzatori dell’empty senese desiderano che a partecipare al loro progetto, oltre a Instagramers noti, siano anche tre Instagramers esordienti, che si contraddistinguano per le loro capacità di emozionare con testi e immagini.

La fortuna ha voluto che avessi ritratto la mia amica Manuela su una scala nel quartiere San Pellegrino di Viterbo pochissimi giorni prima. Così edito la foto e la pubblico nella mia gallery, seguendo le indicazioni richieste. Ma e poi mai avrei immaginato che quello scatto sarebbe stato selezionato dalla giuria, insieme a quelli di Maria Grazia Paparelli alias @marygrace83p e Patrizia Causeo alias @thyay.

 

quartiere San Pellegrino

Foto del contest #takeMeToSiena

Modella: Manuela Vergelea

 

Così il 14 gennaio mi ritrovo su un treno diretto a Siena e incontro il team dell’#emptySMS. Ci sono nomi importanti, che fanno parte del panorama di Instagram fin dai suoi esordi o che hanno vinto premi fotografici prestigiosi.

Ekaterina Mishchenkova alias @katia_mi è un’artista russa; Tiziana Vergari alias @tizzia è la vincitrice del premio internazionale Shorty Awards come miglior fotografia Instagram 2016; Laura Masi (@ruberry) è una blogger di viaggi; Cris Jiménez alias @crisss è l’ex manager della community Instagramers spagnola; Laëtitia Chaillou alias @parisianinrome è una famosa blogger francese, stabilitasi a Roma e infine il designer Michele Grimaz alias @mighele_.

Mi sento allo stesso tempo elettrizzata e grata per la possibilità, pur consapevole dei miei limiti: non sono abituata a scattare in ambienti interni con scarse condizioni di luminosità, non ho neanche l’attrezzatura giusta.

Le mie impressioni sull'”empty museum

Non è facile dare una propria chiave di lettura agli ambienti di un museo. Chi mi segue su Instagram sa che sono abituata a scattare scorci di borghi. Ho iniziato da un annetto a sperimentare gli on the table, dunque niente roba troppo tecnica. Inoltre c’è da considerare che sono severamente fedele al mio stile e mi preoccupava l’idea di ritrarre ambienti asettici, troppo vuoti o dall’aspetto moderno.

Come al solito, però, mi piace mettermi in gioco e stavolta l’ho fatto osservando ammirata gli altri componenti del team mentre si aggiravano disinvolti per le sale, danzando a tempo di scatti con super reflex e obiettivi.

Mi ha fatto molto piacere collaborare alle loro idee o chiedere il loro aiuto e questo, al di là di tutto, è il più grande arricchimento di questa grandiosa esperienza.

Tutto ciò ha stimolato la mia creatività e ho preso spunto per sviluppare delle mie idee, che trasmettessero la mia personalità: il colore rosso, i cappelli sono elementi che tornano spesso nelle mie foto; la pietra e i mattoni sono il fil rouge che dà quel sapore antico e vintage alla mia gallery.

A coronare il tutto poi c’erano i bravissimi allievi di Siena Jazz, che ci hanno allietato con la loro musica e si sono pazientemente resi disponibili per i nostri scatti.

 

Siena Jazz

 

Di seguito le mie interpretazioni. Ho dato a ciascuna foto un titolo, per cercare di trasmettere quello che volevo comunicare. Se vi va, fatemi sapere cosa ne pensate! 

 

empty Santa Maria della Scala

“Il sacro e il profano”

empty Santa Maria della Scala

“Le ragazze d’oggi sognano gli uomini d’altri tempi” scattata da Maria Grazia Paparelli

empty Santa Maria della Scala

“Museo con vista e riflesso”

empty Santa Maria della Scala

“Un museo con gli scorci di un borgo”

 

Vi invito comunque a seguire su Instagram l’hashtag #emptySMS per vedere le foto di tutto il progetto.


Articolo realizzato in collaborazione con Museo di Santa Maria della Scala

Eliana Lazzareschi Belloni
About me

Scrittrice, web content writer, viaggiatrice. Viaggio con il corpo, la mente e lo spirito. Adoro la natura, i suoi colori e i suoi profumi. Mi piace leggere, ascoltare e immaginare.

YOU MIGHT ALSO LIKE

dormire in una yurta
Glamping in Toscana: dormire in una yurta in Maremma
October 04, 2017
veduta di Pitigliano
Una giornata fra i borghi del tufo: Pitigliano, Sovana e Sorano
September 01, 2017
borgo di Monteriggioni
Una giornata a Monteriggioni: itinerario nelle colline del Chianti
September 29, 2016
Val d'Orcia
Itinerario di 3 giorni fra Valdichiana e Val d’Orcia
September 06, 2016
vacanza all'isola d'Elba
Vacanza all’isola d’Elba: mare ed esplorazioni
June 03, 2016
giardino di Boboli
Giardino di Boboli: scorci e panorami di Firenze
May 20, 2016
terme di Saturnia
Weekend #vinoeterme: sorgenti termali, sapori e borghi.
March 30, 2016

2 Comments

Crisss
Reply gennaio 23, 2018

Bravissima Eliana! un fantastico riassunto, molto ben scritto e che mi ha riportato al Empty. Ottima scelta di fotografie.

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply gennaio 23, 2018

    Grazie cara Cris, è stata una meravigliosa esperienza e sono contenta di averti conosciuta :)

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *