Gita a Suzhou: cosa vedere nella Venezia d’Oriente


Nel 2010 mi sono concessa una gita a Suzhou, nota come “Venezia d’Oriente“. Faceva parte del mio regalo di laurea: un mese in Cina.

La città si è conquistata questo epiteto per la sua infinità di canali. Pensate che il 42% della sua superficie è coperto d’acqua. È tutto un suggestivo susseguirsi di templi, splendidi giardini, fiori di loto, ponti di pietra. Uno spaccato di vera Cina lontana dall’imperante urbanistica moderna e dal suo tumultuoso sviluppo.

Si trova nella provincia del Jiangsu, incastonata fra le sponde del fiume Azzurro e Taihu.

Durante la dinastia Song, la città ha assunto una posizione di rilievo per la produzione della seta, ruolo che tuttora detiene.

gita a Suzhou

Il giardino del maestro delle reti

giardini di Suzhou

Ouyuan garden

Non posso raccontarvi di Suzhou senza menzionare l’avventura che ha accompagnato questo viaggio. Io e la mia amica Francesca (siamo state compagne di classe al liceo e poi abbiamo frequentato la stessa Università) eravamo partite da Shanghai, dirette a Hangzhou. Una volta lì, avevamo prenotato questa gita a Suzhou, organizzata da una compagnia cinese. Il ragazzo alla reception dell’ostello continuava a ripeterci perplesso: “Ma sarà pieno di cinesi, siete sicure di voler andare?” E noi, decise, annuivamo senza esitazione.

Ecco, immaginate due ragazze occidentali: capelli chiari e ricci/mossi, occhi verdi, il massimo dell’esoticità per un cinese. Se siete stati in Cina potete già intuire.

Le persone ci fissavano con curiosità, senza discrezione. Sghignazzavano fra di loro divertite e noi ricambiavamo i loro sguardi un po’ a disagio, tanto da decidere di andarci a sedere in fondo alla vettura, per sottrarci un po’ alle loro attenzioni.

Il fatto che parlassimo cinese ci rendeva ancora più interessanti ai loro occhi: potevano fare domande, interrogarci nel vero senso della parola.

Una famiglia cinese, composta da due sorelle, nonni e due nipoti, ci aveva preso in gran simpatia e non ci hanno lasciate un secondo, tanto da invitarci a sedere al tavolo con loro e a condividere la barchetta che ci ha portato attraverso i canali di Suzhou. Qui un video di quella giornata.

Il motivo per cui avevamo deciso di mettere da parte il ‘fai da te’ era perché avevamo solamente una giornata a disposizione e poi saremmo dovute rientrare a Hangzhou. Questa gita assieme a persone di nazionalità cinese, ci ha permesso di acquisire un spaccato maggiore sulla loro cultura ed è stato molto divertente.

Cosa vedere a Suzhou.

I giardini: 

I giardini costituiscono un valido esempio di quello che era la Cina di una volta. Sono ben conservati e molto curati, si passeggia fra le aree verdi, ponticelli, padiglioni galleggianti e rocce su cui sono appollaiati cinesi per scattare foto.

Un’intrigante regia naturale, che difficilmente riuscirete a dimenticare, soprattutto rientrando in città caotiche come Pechino e Shanghai.

Il giardino più grande è il Giardino dell’Umile Amministratore, senz’altro anche il più turistico. Noi abbiamo visitato il giardino del maestro delle reti. Più piccolo, ma è noto per essere il più intatto e decorato giardino di Suzhou; e l’Ouyuan garden.   

 

giardini di Suzhou

 

giardini di Suzhou

 

giardini di Suzhou

 

giardini di Suzhou

La pagoda del Tempio del Nord: 

Nel pomeriggio la guida ci ha portati a vedere questo splendido esempio di architettura cinese di stampo classico, dalla cui cima si gode del panorama di tutta la città vecchia. La torre ha base ottagonale ed è costruita in travi di legno e mattoni. È alta 76 metri ed è composta da 9 piani.

All’ingresso di questo complesso monastico, ad accogliervi troverete la statua paffuta di un Buddha ridente. Alle sue spalle una piccola area di verde, costituita da un giardino con un laghetto.

 

tempio della pagoda del nord

 

tempio della pagoda del nord

 

Buddha del tempio della pagoda del nord

 

tempio della pagoda del nord

 

vista dalla pagoda del nord

 

vista dalla pagoda del nord

 

vista su Suzhou

 

Collina della Tigre:

Questa è una tappa d’obbligo per chiunque venga in visita in questa città. Il poeta Su Shi usava dire: “È un peccato andare a Suzhou senza passare per la collina della Tigre”.

Poesie e calligrafie sono incise sulla roccia della collina. È un ambiente molto ricco di vegetazione.

La leggenda narra che, durante il periodo delle Primavere e degli Autunni, il re Wu Fuchai aveva sepolto suo padre proprio su questa collina e, dopo tre giorni, tre tigri erano state avvistate nello stesso punto. Proprio per questo poi la collina fu soprannominata in questo modo.

L’emblema di questa collina è la pagoda Yunyan, conosciuta come la Torre di Pisa dell’Est.

torre yunyan della collina della tigre torre della collina della tigre

Museo di Suzhou: 

Se poi siete anche appassionati di storia e arte, allora potete abbinare questo museo alla visita dei giardini. Ma è anche una tappa adatta per sfuggire alla pioggia che tanto caratterizza il clima di Suzhou.

L’edificio moderno non è molto grande, ma ben strutturato, quindi impiegherete solo un paio di ore attraverso i padiglioni che ospitano reperti più di 3.000 anni fa.

Ingresso gratuito.

 

Consigli: 

Come raccomando sempre, in Cina evitate di visitare queste attrazioni nei fine settimana, quando tutti i cinesi si riversano in questi poli turistici. 

 

Potrebbero interessarti:

Zhujiajiao: villaggio sull’acqua

Stranezze e avventure in Cina

7 buone abitudini cinesi

 

 

 


Ti è piaciuto questo articolo? Allora condividilo con i tuoi amici! 

Eliana Lazzareschi Belloni
About me

Scrittrice, web content writer, viaggiatrice. Viaggio con il corpo, la mente e lo spirito. Adoro la natura, i suoi colori e i suoi profumi. Mi piace leggere, ascoltare e immaginare.

YOU MIGHT ALSO LIKE

monasteri delle Meteore
Monasteri delle Meteore: un viaggio spirituale nella natura
April 19, 2016
scorci e spiagge da vedere ad Amalfi in un giorno
Cosa vedere ad Amalfi in un giorno
April 12, 2016
Marsaxlokk
Cosa fare tre giorni a Malta in inverno
February 05, 2016
Golfo dei Poeti
Viaggio sulle tracce di Lord Byron
January 17, 2016
viaggiatrice solitaria osserva tramonto sul mare
Riflessione di fine anno di una viaggiatrice solitaria
December 29, 2015
villaggio sull'acqua
Zhujiajiao: villaggio sull’acqua
October 30, 2015
famiglia cinese
7 buone abitudini cinesi
September 22, 2015
donne cinesi con cappello per ripararsi dal sole
Stranezze e avventure in Cina
September 18, 2015
muraglia cinese
Come ho superato le mie paure in Cina
September 15, 2015

2 Comments

https://narrabondo.wordpress.com
Reply aprile 8, 2016

Questa sì che è la Cina che mi piacerebbe conoscere.

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply aprile 8, 2016

    Se ti piace la natura ti consiglio anche Hangzhou, molto verde, pagode, stagni con fiori di loto. Io purtroppo non sono riuscita a vedere Guilin, sicuramente in un prossimo viaggio andrei lì.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *