In canoa sul Tirino, il fiume più limpido d’Europa


In questo articolo vi descrivo l’escursione in canoa sul Tirino, definito il fiume più bello d’Italia, nonché il fiume più limpido d’Europa.

Poche persone ahimè lo conoscono, eppure la sua bellezza è indiscutibile e navigando questo tratto di fiume ci si immerge in una natura incontaminata, pura, suggestiva.

È, inoltre, possibile ammirare tutte le gradazioni del verde e dell’azzurro che si mescolano come nella tavolozza di un pittore.

 

colori del Tirino

 

acqua del Tirino

 

escursione in canoa sul Tirino

 

Conoscendo la mia passione per i viaggi nella natura e per tutte le attività che si svolgono all’aria aperta, all’inizio dell’estate la mia amica abruzzese Maria mi aveva parlato di questo fiume. Facendo delle ricerche su Google ero rimasta ammaliata dai colori delle sue acque, così ad agosto, io e mio fratello abbiamo deciso di trascorrere quattro giorni in Abruzzo. Vi ho descritto il nostro itinerario qui.

Fiume Tirino:

Il Tirino è un affluente del fiume Aterno-Pescara ed è alimentato da tre sorgenti. La denominazione “fiume più limpido d’Europa” è dovuta al fatto che sia caratterizzato da acque pulite e limpidissime. Scorre per 25 km, proseguendo in direzione sud, verso la provincia di Pescara. 

Il tratto in cui si effettuano le escursioni – l’unico pulito – è un luogo magico.

 

colori delle acque del Tirino

L’escursione in canoa sul Tirino:

Per l’escursione in canoa ci siamo affidati alla cooperativa Il Bosso, composta da ragazzi che cercano di promuovere il turismo responsabile e di diffondere una sensibilità ecologica, coniugando il tutto con l’educazione ambientale.

La gita dura due ore e mezza e si parte da località San Martino, nel comune di Capestrano (AQ). Si svolge in coppia e su ogni canoa c’è una guida de Il Bosso, che fornisce istruzioni su come pagaiare e racconta storie legate al fiume, svelando curiosità sulla flora e la fauna fluviale.

 

io e mio fratello in canoa sul Tirino

io e mio fratello

in canoa sul Tirino

 

escursione in canoa sul Tirino

 

Non appena si sale a bordo della canoa – e questa inizia a fendere dolcemente l’acqua – ci si rende conto di essere entrati in paradiso e che si sta per svolgere una delle esperienze nella natura più belle e uniche.

Il ragazzo che ci accompagna ci raccontata quali siano gli animali che popolano le acque e le rive del Tirino. Ignoravo del tutto che il cuculo fosse un uccello parassita, il quale approfitta dei nidi degli altri uccelli per deporre le proprie uova e i suoi piccoli si comportano da ospiti invadenti, rubando il cibo ai pulcini della cannaiola, specie protetta che popola questo luogo.

L’escursione prosegue per 5 km controcorrente fino alla sorgente, dove si effettua una breve sosta e per i più impavidi è possibile fare il bagno.

 

io e Maria

io e Maria

bagno nella sorgente del Tirino

 

sorgente del Tirino

 

La temperatura dell’acqua è di 10°C e si mantiene costante durante tutto l’anno. La sensazione immediata che avverto immergendomi è una sorta di paralisi degli arti inferiori. Fortunatamente è solo nella fase iniziale, poi il corpo inizia ad abituarsi e questa comincia a scemare.

L’acqua è incredibilmente trasparente e si possono ammirare le alghe, che creano contrasti di colori strabilianti.

L’acqua è talmente pulita che le nostre guide ci invitano a riempire le nostre borracce e ad assaggiare i sedanini, erbe che crescono sotto la superficie del fiume.

L’escursione è poco impegnativa e si adatta anche alle famiglie. Il costo è di 55 euro a canoa, che può ospitare due persone.

 

fiume Tirino

 

escursione in canoa sul Tirino

 

fiume Tirino

Il ritorno in silenzio:

La magia di questa escursione in canoa sul Tirino non finisce qui. Al ritorno ci si lascia quasi trasportare dalla corrente e le guide ci pregano di rimanere in assoluto silenzio per tutta la durata della discesa per riuscire a scorgere qualche animale.

Così rimaniamo in ascolto delle voci della natura: il frusciare delle foglie accarezzate dal vento, del gorgoglio dell’acqua che scivola lungo la canoa, del canto delle folaghe.

In mezzo alle canne scorgiamo un uccellino, che sguazza sulla superficie dell’acqua.

 

Un’esperienza coinvolgente ed emozionante che mi sento di consigliare per serbare nel cuore il ricordo dell’Abruzzo.

 

 

 

 

 


Ti è stato utile questo articolo? Fammelo sapere nei commenti! 

Eliana Lazzareschi Belloni
About me

Scrittrice, web content writer, viaggiatrice. Viaggio con il corpo, la mente e lo spirito. Adoro la natura, i suoi colori e i suoi profumi. Mi piace leggere, ascoltare e immaginare.

YOU MIGHT ALSO LIKE

cascate di Monte Gelato
Una passeggiata alle suggestive cascate di Monte Gelato
October 13, 2017
lago della Duchessa
Trekking nel Lazio: escursione al lago della Duchessa
October 10, 2017
veduta su Rocca Calascio
Escursione a Rocca Calascio, il castello di “Ladyhawke”
September 15, 2017
eremo di San Michele Arcangelo
Trekking sulla cima del Redentore dei Monti Aurunci
September 12, 2017
Fonte dell'Acqua Turchina
Tour in canoa sul fiume Cavata
July 20, 2017
percorso durante cammino di San Benedetto
Cammino di San Benedetto: itinerario di 4 giorni
September 09, 2016
tagliata vulsini
Corchiano e i suoi monumenti naturali
June 20, 2015

4 Comments

Paolo
Reply settembre 5, 2017

Non per mettere in discussione ciò che hai scritto, anzi sembra davvero un bel posto, ma secondo chi sarebbe il più limpido? Il fiume Grassano, con sorgenti in San Salvatore Telesino, non ha assolutamente nulla da invidiargli.

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply settembre 6, 2017

    Sai che non lo so? Sono contenta di sapere che ci siano altri fiumi puliti in Italia :)

Pietrolley
Reply settembre 7, 2017

Wow, i colori sono uno spettacolo!
Ci sta sia come prezzo che come durata, avete fatto bene ad andarci!
Io sarei in grado di ribaltarmi con la canoa ahahah

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply settembre 7, 2017

    Ahaha, no, le canoe sono molto stabili e poi ci sono le guide ;)

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *