Viaggiare per scoprire, non per evadere. Il mio modo di concepire il viaggio.


All’evento Viaggi e Miraggi. Punti di vista sul turismo del presente e del futuro, che si è svolto nella cornice del Gola Gola Festival a Parma, mi è stato chiesto: “Sul tuo blog dici di viaggiare per scoprire, non per evadere. Cosa intendi?”

Ho deciso così di approfondire l’argomento e di dare una risposta anche qui sul mio blog.

Viaggiare per me è qualcosa che mi spinge ad andare oltre le attrazioni turistiche, è un incontro di anime, è sfiorare mentalità diverse. 

Da sempre concepisco il viaggio come veicolo di cambiamento personale e interiore. Viaggiando usciamo dalla nostra zona di comfort perché ci muoviamo attraverso culture e ambienti che non ci sono familiari e nuove situazioni a cui dobbiamo adattarci.

Il viaggio provoca un incontro tra individui con linguaggi, ideologie, modelli comportamentali e livelli d’istruzione molto diversi fra loro.

Mi piace fare un’analisi introspettiva dei miei viaggi, raccontare delle persone, di ciò che ho imparato e quello che mi hanno trasmesso.  

Per questa ragione mi approccio al viaggio per entrare a contatto con questi nuovi mondi e ciò mi porta ad affrontare ogni mio spostamento in una prospettiva spirituale, orientandolo anche alla scoperta profonda di me stessa.

 

Monte Meta

Monte Meta

 

Il mio primo grande viaggio l’ho compiuto quando avevo 23 anni. Mi sono trasferita a Pechino da sola e l’ho fatto perché volevo farmi dono di un’esperienza che mi segnasse nel profondo e che mi facesse superare molti dei miei limiti caratteriali.

Il viaggio può plasmarti, modificarti, se sei aperto a ciò.

Ero una ragazza timida, molto di più di quanto lo sia ora. Avevo addirittura problemi a relazionarmi con gli altri perché ero introversa, ma vivere all’estero mi ha cambiata e in meglio.

Per crescere non è indispensabile viaggiare, ma in qualche modo il viaggio accelera il processo perché ci fa sospendere i giudizi, superare la nostra chiusura mentale.

 

mare a Brighton

Brighton

 

Quando affermo di viaggiare per scoprire, intendo che non ho bisogno di evadere da una determinata situazione che non mi piace della mia vita.

Ho un lavoro che mi riempie di soddisfazioni, che ho creato da sola e che mi sono sudata in ogni passo, in ogni scelta compiuta. Proprio per questo motivo il mio scopo non è quasi mai la ricerca esclusiva di relax, anzi, affermerei che i miei viaggi non hanno nulla di rilassante.

Alla base non c’è la volontà di assecondare un’irrequietudine interiore o di sfuggire alla realtà della vita quotidiana, ma sana esplorazione, desiderio di soddisfare la mia curiosità e viaggiare mi ricorda che la bellezza risiede anche nella diversità.

Allo stesso tempo non voglio sentirmi incatenata a un itinerario rigido, anzi, mi piace farmi guidare anche dagli imprevisti e pongo l’enfasi sull’interazione culturale, un’interazione profonda e sostenibile con la popolazione di un luogo e con l’ambiente. E cerco di calarmi il più possibile nella realtà che incontro.

 

Azure window Gozo

Azure Window – Gozo

 

Nel mio libro “La sostenibile leggerezza del viaggio. Guida diario per un turismo sostenibile” racconto di un bellissimo incontro fatto a Malta. Ero a Rabat, sola, e mi sono imbattuta in uno studioso e ricercatore storico. Immaginate un uomo anziano, molto religioso, che racconta la bellezza della festa di San Paolo a una ragazza mis-credente, che sarei io.

Nei suoi occhi ho letto la passione e l’entusiasmo per le tradizioni del suo paese.

Quando si viaggia bisogna essere tolleranti, aperti e curiosi di scoprire. Che si viaggia a fare se si rimane ancorati alle proprie credenze e giudizi?

E quella sera ho fatto i salti mortali per tornare in tempo a La Valletta per vedere con i miei occhi quello che Richard mi aveva raccontato. Volevo comprendere il suo entusiasmo, volevo vivere l’evento con i miei occhi.

Ecco, secondo me questo è il vero significato dei viaggi, del viaggiare per scoprire: spostare il baricentro dalle proprie convinzioni e cercare di, non dico abbracciare, ma almeno comprendere, approfondire quelle degli altri.

 

 

 

 

 


Ti è piaciuto questo articolo? Fammi sapere cosa ne pensi! 

Eliana Lazzareschi Belloni
About me

Scrittrice, web content writer, viaggiatrice. Viaggio con il corpo, la mente e lo spirito. Adoro la natura, i suoi colori e i suoi profumi. Mi piace leggere, ascoltare e immaginare.

YOU MIGHT ALSO LIKE

soffione
Quello che ho imparato sulla pazienza
October 06, 2017
io in un campo di papaveri
Riparto da me! Perché essere felice è una scelta
September 19, 2017
campo di lavanda nella Tuscia
Credere in se stessi: impara ad amarti e osa!    
March 28, 2017
viaggio da sola
Perché viaggio da sola? E consigli utili per iniziare a farlo anche tu!
January 20, 2017
viaggiatrice al Lago di Vico
Riflessioni di fine anno di una viaggiatrice solitaria (2016)
December 30, 2016
io seduta sui gradini di tufo
Un anno di blog: quello che ho imparato
July 19, 2016
foto con taccuino, vecchia canon, passaporto
A Parigi con mia nonna
June 09, 2016
ragazza a Viterbo
Viaggiare senza fidanzato: sì o no?
May 13, 2016
viaggiatrice solitaria
Viaggio interiore alla scoperta di noi stessi
October 06, 2015

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *