13 dim sum vegetariani da provare assolutamente


Adoro i sapori tipici di ogni cucina, ogni volta mi innamoro e ne apprezzo gli aspetti distintivi. Senza dubbio nel mio cuore (o forse dovrei dire palato) c’è il cibo asiatico. Nel 2012, mentre ero a Londra, ho scoperto la cucina cantonese. Avevo trovato lavoro come receptionist in un ristorante cinese elegante e raffinato. Uno degli aspetti positivi era indubbiamente il fatto di poter mangiare gratuitamente. Avevo ben due pasti garantiti: la cena (alle 17) e la supper (alle 21).

Non lavoravo molto, solo cinque ore cinque giorni alla settimana, ma mi stancavo abbastanza ed era un lavoro molto ripetitivo. L’unica ragione che mi spingeva al lavoro la domenica mattina, era che a pranzo avrei avuto i dim sum, piatti tipici della Cina meridionale (in particolar modo del Guangdong e di Hong Kong).

Comprendono un vasto assortimento di piccole porzioni, simili a quelle delle tapas spagnole, che vengono accompagnate con il tè, in un rito che comprende un susseguirsi di piattini e cestini di bambù. Il loro aspetto è molto grazioso e conquistano veramente l’occhio.

dim sum

photo credits: Packawfye cc

È tradizione che le famiglie cinesi portino i propri figli a mangiare dim sum intorno a mezzogiorno per incontrare i nonni, uniti tutti quanti in una sorta di brunch domenicale. Lo yum cha, l’intera esperienza del pranzo, è spesso anche una festosa occasione per celebrare una novità o la festa della mamma.

I dim sum venivano serviti fino alle tre del pomeriggio, ma dalle dodici all’una e mezza c’era il delirio. Il ristorante in cui lavoravo era il più famoso di China Town, e i suoi piatti erano rinomati per la loro bontà e originalità di sapori.

L’assortimento include ravioli cotti al vapore o alla piastra, bocconcini fritti o stufati. Ecco i miei dim sum vegetariani preferiti:

Ravioli di verdure 

Sono uno standard in tutte le case da tè. Sono composti da un ripieno di verza o tofu all’interno di un involucro translucido di farina di riso. Questo effetto è molto complicato da ottenere e a ciò si deve tutta la maestria e l’arte dello chef.

Shumai

Il mio dim sum salato preferito. La versione originale include la carne di maiale, ma quella vegana (perché non ci sono derivati degli animali), prevede un involtino sottile di farina di riso con ripieno di carote, verza, piselli, zenzero, mais e tofu o funghi. Vengono poi conditi con salsa di soia.  

Baozi

Possono essere cotti al forno o al vapore, realizzati con farina di grano e riempiti con verdure o pasta di fagioli rossi. Ne ho parlato anche in questo articolo in merito allo street food di Pechino.

Mantou 

Piccoli panini cotti al vapore senza alcun ripieno. Grazie a questo tipo di cottura si mantengono particolarmente soffici. 

Involtini primavera

Uno dei dim sum più famosi in tutto il mondo. Questi rotolini consistono in varie verdure come carote alla julienne, verza e funghi, il tutto viene avvolto in una sottile pastella di farina, successivamente fritta.

Rotoli di noodles di riso

Anche questi vengono rigorosamente cotti al vapore e poi arrotolati e riempiti con differenti tipi di verdure o funghi. Infine vengono cosparsi di semi di sesamo e inondati di salsa di soia.

Rotolini di tofu

La pastella è composta di tofu e con un ricco ripieno di verdure.

E ora passiamo ai dessert.

Baozi con ripieno di crema

Cotti al vapore e ripieni di crema pasticcera. Sono particolarmente buoni, soffici e gustosi.

Douhua

Una specie di pudding al tofu con un sapore molto particolare.

Mango pudding

Budino servito con pezzi interi di mango fresco e foglie di menta, spesso viene immerso in una salsa di latte.

Jin deui

Un dolce fritto, tipico del periodo del Capodanno cinese. Il suo ripieno comprende una pasta di fagioli rossi ed è ricoperto di semi di sesamo. Trovavo questi dolcetti anche a Pechino.

Sou

Assolutamente uno dei miei preferiti. Una specie di pasticcino, caratterizzato da una pastella secca con ripieno di crema o semi di loto.

Egg tart

Il mio dim sum dolce preferito: una mini crostata ripiena di crema pasticcera. Veramente da leccarsi i baffi.

Tutto il rito del yum cha viene accompagnato dal tè, i più comuni sono quello di crisantemo, Oolong e quello verde.

Ecco, questa è la mia selezione di dim sum vegetariani. Se non li avete mai assaggiati vi consiglio di cercare un ristorante nella vostra città specializzato in cucina cantonese, ne vale veramente la pena.   

 

 

 

___________________________________________

se ti è piaciuto questo articolo metti un mi piace! 🙂

o condividilo con i tuoi amici! 

 

photo credits:  Pockafwye ccShan-Shan Yu via Flickr ccSam ccHisakazu Watanabe ccAlpha cc, courtesy of Flickr

Eliana Lazzareschi Belloni
About me

Scrittrice, web content writer, viaggiatrice. Viaggio con il corpo, la mente e lo spirito. Adoro la natura, i suoi colori e i suoi profumi. Mi piace leggere, ascoltare e immaginare.

YOU MIGHT ALSO LIKE

azienda-agricola-palazzo-4
Un tuffo fra i sapori della Food Valley italiana
May 11, 2016
cat café
Romeow Cat Bistrot: una merenda tra le fusa
January 05, 2016
tapas
Le migliori tapas vegetariane di Barcellona
September 02, 2015
street food a pechino
Street food a Pechino per vegetariani
June 16, 2015
scorcio del lago dell'ovest
Hangzhou, un itinerario verde intorno alla città
June 15, 2015

6 Comments

Eni
Reply settembre 10, 2015

Ciao e grazie per avermi seguito su Google+. Ti ho ri-seguita subito perchè il tuo blog mi è piaciuto immediatamente e mi ha anche parecchio incuriosita! Complimenti, scrivi bene e fai un sacco di post interessanti. Io non sono troppo amante della cucina asiatica, però devo dire che baozi e busino di mango mi hanno fatto venire veramente l'acquolina in bocca!!! Ciao, un bacio,
Eni

Eniwhere Fashion
Eniwhere Fashion Facebook

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply settembre 10, 2015

    Ciao Eni, grazie per il tuo commento. Allora ora non ti rimane che andare a provarli in qualche ristorantino cinese. Poi fammi sapere! ;)
    Un abbraccio!

Anton
Reply ottobre 24, 2015

Ciao Eliana!

Grazie per le ricette cinesi!

Io sono 90 % vegetariano, ma mangio pesci.

Avevo letto cose rare nel tuo blog ieri e anche se mi sono un po confuso/- non avevo letto " about me"../ perché pensavi che sei ancora in Cina..

Non ho capito anche, se una persona come te, che ha studiato lingue orientali, vissuto a Pechino e Londra, quali intenzioni hai: a sviluppare tutti questi idee interessanti qui in Italia o all estero?

Ci sono pocchi dubbi su questo, che Asia volerà alla grande e per questo mi interessa a ricevere qualche feedback relativo al INCOMING trend S in London e OUTGOING TRENDS per i cinesi.

Io sto cancellando la mia residenza in Italia e per questo davvero sono molto curioso a sentire l, opinione tua, dato che hai vissuto in 2 paesi importantissimi per me-/ UK e Cina /sotto i diversi punti di vista..

Tra altro ci saranno tra i pochissimi paesi nel mondo/ molto bene India, Indonesia, Mexico e Brasile, Turchia/ destinati a migliorarsi- previsioni fino a 2060.

Grazie!

Cari saluti

Anton

Eliana Lazzareschi Belloni
Reply ottobre 27, 2015

Ciao Anton,
grazie per il tuo commento. Pechino e Londra per me sono metropoli troppo caotiche, sebbene molto organizzate. Non sono riuscita a trovare una mia dimensione. Se ti va possiamo approfondire l'argomento via e-mail, così da poterti dare informazioni relative ai due paesi in cui sono vissuta. Grazie.
A presto! :-)

Michele
Reply giugno 5, 2016

Spettacolari! Premesso che adoro la cucina cinese, che considero la migliore al mondo insieme alla nostra e che non perdo occasione di andare a mangiare nella Chinatown milanese appena posso, ora ho un obiettivo :) assaggiare tutte queste delizie che nemmeno conoscevo!

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply giugno 5, 2016

    Anche io adoro la cucina cinese, ma sono di parte perché ho vissuto un anno in Cina.
    I dim sum li trovi in ristoranti specializzati in cucina cantonese. Poi fammi sapere se ti sono piaciuti :)

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *