Oggi mi festeggio perché sono fiera di me!


Mi sono sempre chiesta se avesse senso festeggiare il proprio compleanno. La risposta è sì, se si realizza di essere persone migliori dell’anno precedente, se si è soddisfatti del proprio percorso e anche dei propri errori, delle proprie battaglie interiori.

 

E io sono fiera della persona che sono oggi.

 

Sono contenta di aver ascoltato attentamente in tutti questi anni gli insegnamenti delle persone più grandi di me e aver fatto comunque di testa mia perché siamo esseri umani e nessuno è detentore delle verità assolute.

 

Mi sono stati insegnati tutti quei trucchetti per far sudare un uomo e farsi correr dietro, cose che non ho mai applicato perché io non voglio essere rincorsa né rincorrere. La vita è già una corsa, che diamine! Almeno l’Amore voglio godermelo con calma e senza patemi d’animo. 

 

Ho prestato attenzione ai discorsi di quei parenti che vanamente hanno cercato di convincermi che una donna deve dedicarsi a progetti matrimoniali. Ho ascoltato i loro punti di vista senza giudicarli, li ho anche compresi a dir il vero, ma non mi sono mai aggrappata a questo obiettivo. Per me vengo prima IO, sempre. Non è una forma di egoismo, è semplicemente diventare consapevoli che ogni essere umano dovrebbe realizzarsi in funzione di se stesso, non degli altri.

 

Non esistono Principi Azzurri, Principesse da salvare o crocerossine. Ognuno si salva da sé.

 

Non ho mai visto le relazioni come una potenziale consolazione per tutto ciò che non ha funzionato nella mia vita.

 

Ho ascoltato chi mi ha ripetuto che i sogni sono di carta, ma tutt’oggi mi ostino a credere in loro e li proteggo dalla feroce negatività delle persone. Il fatto che la maggior parte della gente non riesca a realizzare i propri o ci rinunci, non li autorizza a scoraggiarmi.

 

Per anni i miei voti scarsi (anzi, scarsissimi) nelle materie scientifiche sono stati motivo di vergogna. Oggi ne vado fiera perché l’applicarmi poco in ciò che non mi piaceva era già un chiaro sintomo che non sarei stata il tipo di persona che riversa le proprie energie in qualcosa che non scaturisce il suo interesse.

 

Sono orgogliosa di essere stata una studentessa curiosa, di aver cambiato spesso idea e sperimentato percorsi di studi differenti, assecondando le mie inclinazioni e passioni ogni volta diverse, che mi hanno causato non pochi mal di testa, che mi hanno portato a Pechino, poi a Londra e di nuovo in Italia.

 

Sono rare le persone che a 18 anni hanno già delineato il proprio futuro. Quindi sì, mi sono laureata in una materia ma poi ho iniziato a specializzarmi in mille altre cose perché ero disperatamente alla ricerca del mio ruolo nel mondo, io sono una di quelle che deve sperimentare, creare, disfare e sbattere la testa per capire ciò che davvero le piace.

 

Sono anche il tipo di donna che si annoia facilmente e che ha costantemente bisogno di stimoli, pena l’allontanamento, il distacco, la necessità di ricominciare perché reinventarmi non mi ha mai fatto paura.

 

Ho fatto tutto sempre a modo mio e oggi sono contenta di tutte le mie cicatrici, dei miei sbagli, delle mie cadute, delle mie lacrime. Perché le ho scelte io, sì, e me ne assumo tutte le responsabilità.

 

Non cerco più di piacere ma cerco solo ciò che mi faccia stare davvero bene perché ho capito che l’unica persona che non devo mai deludere sono io, tutto ciò che riuscirò a ottenere dipenderà dall’opinione che avrò di me stessa, sempre, in qualsiasi circostanza.

 

E devo ringraziare quelle persone con le quali mi sono scontrata perché mi hanno rivelato ciò che non sopporto: l’indecisione, l’ambiguità, l’opportunismo, l’incoerenza, l’ipocrisia. Proprio loro mi hanno insegnato a porre fine con più fermezza ai rapporti che non mi soddisfano, a lasciar andare. Ho finalmente imparato a mandare a fanculo con il silenzio e l’indifferenza, senza sprecare le mie energie in polemiche e futili discussioni. 

 

In questi ultimi anni ho realizzato il valore della mia persona, della mia professionalità, di quello che posso dare in qualsiasi tipo di rapporto e quindi ora pretendo la stessa coerenza e costanza dagli altri. Tanto chi ci vuole bene capisce che abbiamo bisogno di aiuto prima ancora che siamo noi a chiederlo. 

 

Oggi sono felice anche dei miei difetti perché amarsi significa riconoscere le nostre imperfezioni, accettarsi profondamente per puntare al miglioramento.

 

Non ho un carattere facile, me ne rendo conto, ma almeno non indosso maschere e mi sono spogliata di inutili conformismi e la verità è che mi piace terribilmente essere la persona che sono.

 

Quindi oggi mi festeggio e mi dico: “Buon compleanno, sono fiera di te!”

 

E il mio augurio è anche per voi: vi auguro la stessa sensazione, sempre. Fate in modo di sentirvi pieni, vivi ogni singolo giorno della vostra vita, soprattutto nei momenti più difficili. Troppo facile essere soddisfatti di noi stessi quando tutto va bene.

 

 

 

 

 

Eliana Lazzareschi Belloni
About me

Scrittrice, web content writer, viaggiatrice. Viaggio con il corpo, la mente e lo spirito. Adoro la natura, i suoi colori e i suoi profumi. Mi piace leggere, ascoltare e immaginare.

YOU MIGHT ALSO LIKE

soffione
Quello che ho imparato sulla pazienza
October 06, 2017
io in un campo di papaveri
Riparto da me! Perché essere felice è una scelta
September 19, 2017
ragazza che guarda il lago di Vico
Viaggiare per scoprire, non per evadere. Il mio modo di concepire il viaggio.
June 06, 2017
campo di lavanda nella Tuscia
Credere in se stessi: impara ad amarti e osa!    
March 28, 2017
viaggio da sola
Perché viaggio da sola? E consigli utili per iniziare a farlo anche tu!
January 20, 2017
viaggiatrice al Lago di Vico
Riflessioni di fine anno di una viaggiatrice solitaria (2016)
December 30, 2016
io seduta sui gradini di tufo
Un anno di blog: quello che ho imparato
July 19, 2016
foto con taccuino, vecchia canon, passaporto
A Parigi con mia nonna
June 09, 2016
ragazza a Viterbo
Viaggiare senza fidanzato: sì o no?
May 13, 2016

5 Comments

Agnese - I'll B right back
Reply gennaio 30, 2018

Ok, io credo che dovremmo conoscerci perché secondo me potremmo andare d'accordo!! Ahah un post del genere avrei potuto scriverlo anche io, almeno al 90%. Avevo in effetti scritto una cosa simile, tempo fa; un post che si chiamava "me stessa al primo posto": è una rivelazione che vale la pena di essere celebrata, con un post o con qualsiasi altra cosa. Tu fai bene a essere fiera di te se hai imparato a conoscere te stessa, le cose che ami e che non puoi tollerare, le tue qualità e i tuoi limiti. Fai bene a essere fiera, perché questo è tutto quello che serve per esserlo!
Tanti auguri di buon compleanno e ti auguro di poter essere così sempre, di fare sempre di testa tua e di restare sempre sulla TUA strada! :)

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply gennaio 31, 2018

    Ciao Agnese, sono contenta che tu condivida i miei stessi pensieri. Eh sì, dovremmo incontrarci, scommetto che avremmo molto di cui parlare.
    Ti ringrazio tantissimo per gli auguri e per il tuo bel commento :)
    Un abbraccio

Luca
Reply febbraio 14, 2018

Che dire? Una dichiarazione di indipendenza e di libertà tipica di noi Acquario :)

Buon cammino!

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply febbraio 14, 2018

    Allora mi capisci bene :)
    Buon cammino anche a te, Luca!

      Luca
      Reply febbraio 15, 2018

      Ti capisco bene, è un grosso peso quello della libertà. Grazie Eliana!

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *