Parco dei Mostri di Bomarzo


Nella Tuscia c’è un luogo incantato, uno di quei posti che trovano spazio nella fantasia dei bambini o nei racconti fiabeschi. È il Sacro Bosco, conosciuto da tutti però come Parco dei Mostri.

Si tratta di un complesso monumentale di grande valore artistico-culturale che si estende su 3 ettari, racchiuso in una foresta di conifere e latifoglie.

Si trova a Bomarzo, alle falde del Monte Cimino, in provincia di Viterbo.

La peculiarità di questo parco sono le statue scolpite nel peperino che affiorano dal terreno. Una passeggiata suggestiva fino all’inverosimile fra divinità, figure mitologiche grottesche e sculture ricoperte di muschio.

 

figure grottesche del parco dei mostri

 

statue

 

mostri del parco dei mostri

 

Il giardino venne progettato dall’architetto Pirro Logorio nel 1552, su commissione del Principe Pier Francesco Orsini, conosciuto anche come Vicino. È dunque uno spettacolare giardino manierista, che però costituisce un unicum nella tradizione dei giardini all’italiana del periodo. Qui non troviamo le fontane con giochi d’acqua, le forme geometriche e le ampie terrazze che caratterizzano lo stile di Villa Lante.

Si procede con una mappa, seguendo l’itinerario segnalato, passando accanto a iscrizioni incise nella pietra e a statue misteriose e dalla presenza enigmatica, con l’unico scopo di sorprendere e confondere il visitatore. Alcuni suppongono il percorso fosse di matrice alchemica.

 

Il percorso del Parco dei Mostri:

Ecco le statue e le figure mitologiche che costellano il percorso.

Le sfingi sono i primi mostri in cui ci si imbatte e si trovano all’ingresso, a guardia del parco.

 

sfinge del sacrobosco

 

Proteo è una specie di orco dalla bocca spalancata e dall’espressione mostruosamente furiosa. Sul suo capo si trova un globo di pietra. La sua posizione, perfettamente incastonata nella natura, dà l’impressione di emergere direttamente dal terreno.

 

Proteo

 

Ci si imbatte poi nel Mausoleo, un mascherone in stile etrusco. Seguono Ercole e Caco, le statue più grandi di tutto il parco. Rappresentano la lotta fra due giganti.

 

ercole e caco che lottano

 

La tartaruga e la balena, che emerge dal terreno. Sul guscio della testuggine poggia la statua di una Nike.

 

tartaruga

 

Si arriva poi alla Fontana di Pegaso.

 

fontana di pegaso

 

Percorrendo oltre la scultura di Pegaso, si giunge a una grande vasca, decorata con le figure di tre Grazie e tre ninfe. Ad est di trova la figura di Venere, che poggia su una conchiglia.

Il teatro è una riproduzione di stile classico. Vi sono anche delle panche in peperino.

 

statua di Venere al parco dei mostri

Venere su conchiglia

teatro del parco dei mostri

Teatro

La casa pendente è stata costruita su un masso inclinato. L’effetto che si ha entrando in questa dimora è di disorientamento.

 

casa pendente al parco dei mostri

 

Si giunge al piazzale dei vasi con le torreggianti figure di Nettuno e della Ninfa dormiente.

 

Nettuno

Nettuno

ninfa-dormiente

Ninfa dormiente

Cerere appare nel suo aspetto giunonico con un cesto di spighe poggiato sulla testa.

 

cedere con cesta

 

L’elefante con la torre sulla sua schiena e un legionario romano nella proboscide, quasi a volerlo stritolare.

 

l'elefante del parco dei mostri

 

Il drago (vedi immagine in evidenza) dalla forma rettiliforme, intento a combattere contro tre animali, oggi non più riconoscibili.

L’orco è la figura più celebre, il simbolo del Parco dei Mostri. La sua bocca racchiude una camera scavata nel tufo con panca e tavolo.

 

orco-parco-dei-mostri

 

Altre statue sono: il vaso gigante, la panca etrusca e l’ariete, che però è quasi irriconoscibile. Poi Proserpina, Cerbero e il piazzale delle pigne.

 

piazzale delle pigne

Piazzale delle pigne

 

Altre figure che decorano questa area sono Echidna, la Furia e i leoni, molto vicine le une alle altre. Echidna è una donna con due code di serpente al posto delle gambe. Davanti a lei le figure di due leoni. Il leone fa parte anche dello stemma di Viterbo. Più in là si trova la Furia, una donna raffigurata con coda e ali di drago. 

 

Echidna

 

La Furia

 

Il tempio ha un aspetto singolare perché qui si fondono lo stile classico e rinascimentale. Fu costruito venti anni dopo il completamento del parco, in onore della seconda moglie del principe Orsini.

 

tempio del parco dei mostri

 

Qui si trova un ampio prato, su cui è possibile sostare e godersi un po’ di sole. È vietato fare i pic nic, ma nel parco c’è un’area organizzata con tavolini di legno.

Questo parco è stato rivalutato da intellettuali come Wolfgang von Goethe e Salvador Dalì.

Il costo del biglietto è di €10, un po’ caro, ma dobbiamo considerare che la manutenzione è complicata e richiede l’impiego di molte risorse economiche.

 

 

 

 

 

Alcune di queste foto sono stata scattate da mia sorella Arianna Lazzareschi Belloni con Canon EOS 500D e iPhone 6S


Ti è piaciuto questo articolo? Allora condividilo con i tuoi amici! 

Eliana Lazzareschi Belloni
About me

Scrittrice, web content writer, viaggiatrice, social media manager. Viaggio con il corpo, la mente e lo spirito. Adoro la natura, i suoi colori e i suoi profumi. Mi piace leggere, ascoltare e immaginare.

YOU MIGHT ALSO LIKE

grappolo d'uva
Frascati, il vigneto urbano più grande d’Italia
June 01, 2016
roseto-comunale-3
Primavera a Roma: visita al roseto comunale
April 29, 2016
peonie del centro botanico moutan
Una gita al centro botanico Moutan
April 05, 2016
Bonifacio
Quattro proposte per un viaggio nella natura
February 12, 2016
vista di villa lante
Villa Lante, il giardino più bello d’Italia
September 05, 2015

4 Comments

Lucrezia & Stefano - In World's Shoes
Reply maggio 5, 2016

Veramente bellissimo, affascinante! Io lo visitai ormai più di 3 anni fa con i miei genitori in piena estate, sotto un sole decisamente bollente ma nonostante tutto ne ho un ricordo vivido e bello! Ho anche io la foto di rito all'interno della bocca dell'orco! :)
Brava come sempre Eli! <3

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply maggio 6, 2016

    Pensa che io, invece, ci sono stata per la prima volta proprio qualche settimana fa.
    Un abbraccio

Chiara Paglio
Reply maggio 6, 2016

In provincia di Viterbo c'è troppo da vedere. Ma sai che non sapevo che il parco di Bomarzo fosse così vicino a me, prima che ci andassi tu? Spero di avere l'occasione di visitarlo a breve :)

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply maggio 6, 2016

    Te lo auguro perché è molto suggestivo.
    Poi fammi sapere

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *