Una giornata d’autunno a Milano: 5 consigli su cosa vedere


Chi mi conosce lo sa: non amo Milano. Nulla di personale contro questa città, il fatto è che non sono una fan delle metropoli. E Milano è troppo moderna, scintillante, mondana per i miei gusti.

Nonostante ciò, so essere obiettiva e riconoscere cosa abbia da offrire ai turisti o i visitatori di passaggio.

Sono stata in questa città 3 volte e purtroppo sempre di sfuggita, forse anche per questo motivo fatica a fare breccia nel mio cuore.

Ecco i miei consigli su cosa fare in una giornata d’autunno a Milano. La buona notizia è che le attrazioni di questo itinerario sono tutte gratis.

Cosa fare e vedere a Milano in un giorno d’autunno?

Mostre d’arte contemporanea:

Voglio iniziare con un consiglio poco scontato. Ci sono molte mostre gratis nel periodo autunnale a Milano e se siete amanti dell’arte, visitare un museo è senz’altro l’approccio giusto.

Il mio consiglio è quello di recarvi a Pirelli HangarBicocca, il museo d’arte contemporanea che ospita installazioni permanenti e mostre temporanee di artisti del panorama nazionale e internazionale. In questo periodo per esempio ci sono le mostre di Ansel Kiefer e Fausto Melotti. L’ingresso è gratuito.

Quartiere Brera:

Tra le cose da vedere a Milano in un giorno, non posso non menzionare il quartiere di Brera e la sua famosa Pinacoteca. Sicuramente il mio luogo preferito, quello lontano dal caos cittadino e che mostra la Vecchia Milano. Il quartiere è costituito da un dedalo di vicoli acciottolati con numerosi scorci da Instagrammare. È il quartiere più bohemienne della città perché costellato da piccoli atelier e gallerie.

Amo curiosare fra i dipinti e i quadri, tra quelle bancarelle che profumano di colori a olio o a tempera, pennelli, luce, matite, carta. Ecco perché questo luogo non ha tardato a conquistarmi.

Il cuore pulsante di questa area però è la Pinacoteca, che ospita una delle collezioni d’arte più importanti d’Italia. Espone la tela del “Bacio” di Hayez (la conoscete, vero?). Ahimè non ho mai avuto il tempo di fare una visita (che richiede almeno 3 ore). Potete però entrare nel cortile e ammirare il monumento a Napoleone del Canova.

Ingresso: 10 euro, biglietto intero.

Pausa pranzo: dove mangiare a Milano?

Ecco, dopo una bella passeggiata al quartiere Brera, un languorino inizierà a cogliervi e il mio consiglio è quello di recarvi a Valentino Vintage a San Babila (dista 15 minuti a piedi da Brera).

Un elegante ristorante nel cuore di Milano, che offre cucina italiana (con piatti tipici milanesi ben interpretati) e una raffinata atmosfera vintage.

Indirizzo: Corso Monforte, 16

una giornata a Milano

Castello Sforzesco:

Dal ristorante potrete raggiungere a piedi il Castello Sforzesco, che si trova all’interno di Parco Sempione. La bellissima fontana in Piazza Castello apre lo scenario del castello, il cui colore risalta nelle giornate di cielo terso.

Sono sincera: non mi ha entusiasmato moltissimo, ma non si può ignorare il simbolo culturale della Milano del Rinascimento. Considerate poi che Ludovico il Moro chiamò Leonardo da Vinci e Bramante per decorarlo. Al suo interno ospita 7 musei tematici (in uno di questi è esposta la Pietà Rondanini di Michelangelo).

castello Sforzesco

Duomo:

Continua l’itinerario a piedi a Milano in una giornata d’autunno. Dal castello, prendendo via Dante, in dieci minuti arriverete al Duomo. Ho volutamente lasciato quasi per ultima questa tappa perché ammirare il Duomo con la sua “Madunina” accarezzato dalla luce del tramonto è qualcosa di davvero unico.

Nel 2013 ho avuto la fortuna di poter osservare il Duomo dalla terrazza della Rinascente (vi sconsiglio vivamente di venire qui se non avete intenzione di spendere € 5 per un semplice caffè). Ho sorseggiato un cocktail vista Duomo in un freddo pomeriggio di dicembre.

Fra un mesetto sarò di nuovo nella city e spero di riuscire ad avere il tempo per salire sulle terrazze ornate di pinnacoli e statue per gustarmi la vista tra le 135 guglie.

Duomo di Milano

 

duomo di Milano

Milano di notte: i Navigli

Le luci, gli schiamazzi, i profumi che giungono dalle cucine dei ristoranti vi avvolgeranno in un’atmosfera vivace, allegra, frizzante.

Concludete la vostra giornata a Milano con un aperitivo (Milano è la città degli “aperi-cena”) o una bella cena sui Navigli. Con questo termine si fa riferimento ai due canali che facevano parte del sistema fluviale del capoluogo meneghino: il Naviglio Grande e il Naviglio Pavese.

Secondo alcuni è questa la Milano più autentica e potrete assaporare la “movida” notturna. Qui si alternano palazzi d’epoca, negozi alla moda e tanti locali. Non tarderete a trovare quello giusto per voi.

Inoltre, la prima domenica del mese c’è la Fiera dell’Antiquariato e i Navigli si riempiono di bancarelle che vendono vestitini vintage e chincaglierie antiche.

 

navigli di Milano

 

navigli di Milano

E voi, avete altri luoghi da visitare in una giornata d’autunno a Milano?

 

Il motivo per cui non ho corredato questo articolo di foto mie è perché quelle che avevo erano state scattate con un iPhone nel 2013, quindi potete immaginare la qualità. A novembre sarò di nuovo a Milano per lavoro e cercherò di rimediare 😉

 

Imm. in evidenza: Ph. Stefan Jurca via Flickr.

Eliana Lazzareschi Belloni
About me

Scrittrice, web content writer, viaggiatrice. Viaggio con il corpo, la mente e lo spirito. Adoro la natura, i suoi colori e i suoi profumi. Mi piace leggere, ascoltare e immaginare.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *