Cosa fare tre giorni a Malta in inverno


Come promesso ecco il mio itinerario di viaggio a Malta, soprannominata da me ‘l’arcipelago dei colori’. È qui che si è svolto il mio ultimo viaggio in solitaria.

A meno di due ore d’aereo da Roma, si trova questo piccolo arcipelago, una cornice di colori e paesaggi, di piccole città, di spiagge accomunate dalla trasparenza dell’acqua, con quelle sfumature color zaffiro che si dissolvono nel turchese. Così incredibilmente belle che non hanno nulla da invidiare ai Caraibi e dovrebbero spingerci di più a visitare le perle del Mediterraneo, prima di andare altrove.

 

vista mare da Bugibba

vista mare a Bugibba

Perché Malta in inverno?

In molti mi hanno chiesto perché avessi scelto questa meta in questo periodo. Beh, io adoro il mare e non importa in che stagione mi trovi. Nonostante questa motivazione personale, mi sento di consigliare un viaggio a Malta a gennaio o febbraio anche per i seguenti motivi:

  • in bassa stagione Malta gode di una pace incredibile, un’atmosfera molto rilassata (lo si avverte anche nel funzionamento del trasporto pubblico). I turisti ci sono, ma sicuramente è meno affollata rispetto ai periodi di alta stagione.
  • Paesaggi verdi e gemme che sbocciano. Sì, Malta a gennaio è in piena primavera e si viene travolti dai suoi tipici effluvi primaverili. Da maggio in poi – a causa della siccità – i paesaggi diventano aridi e secchi.
  • I collegamenti con l’isola sono serviti da ben tre compagnie aeree e non è difficile trovare voli low cost, soprattutto in bassa stagione (il mio l’ho pagato €25).
  • Malta è culturalmente affascinante e, godendo di un clima mite in autunno e in inverno, è sempre un luogo ideale per un weekend.
  • Vi segnalo due eventi importanti che si tengono a Malta in inverno: il 10 febbraio si festeggia il naufragio di San Paolo sull’isola (quest’anno i festeggiamenti sono stati anticipati al 30 gennaio, in quanto il 10 febbraio coincideva con il ‘mercoledì delle ceneri’) e nella prima settimana di Febbraio c’è il carnevale maltese.

 

Inoltre, se siete delle donne e vi piace viaggiare da sole, Malta è certamente un paese sicuro e tranquillo, le persone sono cordiali e disponibili.

Prima di partire mi sono lasciata suggestionare dall’articolo di Patrick Colgan – anche lui è stato a Malta a gennaio  e per questo ero curiosa di conoscere le sue impressioni. Ho trovato molto utili anche le guide che mi ha suggerito VisitMalta.

Arriviamo al dunque: cosa vedere in un weekend a Malta?

1° giorno

La Valletta

È la capitale di Malta. La città ha un’anima vibrante, passeggiando sembra di respirare le diverse culture che hanno attraversato l’isola e che tutt’oggi richiamano al passato. Dominano il color cipria e miele delle pietre degli edifici. La Valletta è caratterizzata da un susseguirsi di vie con scorci sul mare e su cui si affacciano le gallarijas, i famosi balconi maltesi, realizzati in legno in colori differenti. 

La Valletta è un’incantevole fusione di arte, storia e anche architettura moderna. All’ingresso della città si erge il Valletta City Gate, l’edificio realizzato da Renzo Piano, con la stessa pietra che caratterizza tutta l’architettura della capitale, amalgamandosi armoniosamente, senza disturbare l’occhio.

 

vie di Valletta

La Valletta

Valletta City Gate

Valletta City Gate

Passeggiate per cogliere i dettagli come le statue, gli stemmi araldici e poi recatevi ai giardini Upper Barakka, dove il panorama abbraccia le tre città di Vittoriosa, Senglea e Cospicua.

Barakka gardens

 

Vista dai Barakka gardens

vista dagli Upper Barakka

Il giorno del mio arrivo, il 28 gennaio, le vie erano tutte decorate con stendardi colorati in occasione della celebrazione di San Paolo.

Marsaxlokk

Nel pomeriggio, dal terminal dei bus di La Valletta, ho preso un autobus diretto a Marsaxlokk, il pittoresco villaggio dei pescatori. Un luogo che risente ancora della sua autenticità, della bellezza delle barchette colorate (luzzi) che ormeggiano sull’acqua accarezzate dalla brezza marina. La baia – una delle più grandi di Malta – era avvolta dalla luce dorata del tramonto e dal mare si sollevava l’odore inconfondibile del pesce. Seduta su una panchina ho osservato gli ultimi pescatori affaccendarsi sulle loro imbarcazioni.

I colori di questo luogo sembrano quelli di un acquerello, tanto sono belli e vivaci.

 

Marsaxlokk

 

porticine colorate a Marsaxlokk

 

Ho passeggiato fino agli estremi del villaggio, alla ricerca di nuovi particolari e mi sono imbattuta in tanti dettagli colorati e facciate lavate dal tempo.

Ciò che caratterizza questo luogo sono i luzzi, le tipiche imbarcazioni da pesca con gli occhi di Osiride – ereditati dalla tradizione fenicia – dipinti sugli scafi anteriori probabilmente per proteggere i pescatori dalla sventura.

 

luzzi con occhi di Osiride

 

luzzu

 

La domenica mattina si tiene il famoso mercato del pesce. Se decidete di venire qui in questa occasione, vi consiglio di partire la mattina presto o dovrete fronteggiare una fila interminabile per salire sul bus.

2° giorno

Vittoriosa

In antichità si chiamava Birgu. Da qui si ha una vista panoramica su La Valletta, che si erge in tutta la sua bellezza, allungando i suoi riflessi sul mare, ammiccando alle tre città che la osservano ammutolite.

Il mio consiglio è quello di perdervi fra i suoi vicoli, ripagherà le vostre attenzioni regalandovi scorci suggestivi, terrazze e porticine colorate, angoli antichi, palazzi che portano i segni del tempo.

 

vista di Valletta da Vittoriosa

vista su La Valletta

Vittoriosa

Rabat

Questa città si visita addentrandosi per i vicoli, spingendosi fin al centro dove si erge la chiesa di S. Paolo. Nella piazzetta antistante, troverete il negozio Parrucan, dove vendono dolci tipici maltesi a base di miele e marmellata di fichi. Impossibile resistere.

 

Rabat

 

immagine religiosa a Rabat

 

Rabat

 

Subito dopo essermi gustata uno spuntino a base di sapori tipici dell’arcipelago, mi sono lasciata alle spalle la piazzetta e ho proseguito in Agatha street.

Rabat oggi sorge sull’antica città romana di Melita, e di rilevanza culturale sono le numerose catacombe. Io ho visitato quelle di St. Catald (costo €3). All’ingresso ho conosciuto Richard, un simpatico signore dagli occhi grigi, storico e ricercatore, che mi ha accolta con estrema gentilezza e mi ha intrattenuta raccontandomi la storia di Malta e dandomi delle dritte su cosa includere nel mio itinerario.

 

Rabat

Mdina

Verso le due del pomeriggio mi sono recata a Mdina, la ‘città silenziosa‘. Cinta da mura, – è arroccata sul punto più alto dell’isola, – è stata la capitale dell’arcipelago fino al 1530. Al suo interno custodisce edifici medievali, mura saracene e palazzi normanni. Un tripudio di colori, di mix culturali che conturbano il visitatore, tanto da avvolgerlo nel silenzio della contemplazione.

 

Mdina

 

Mdina

 

Mdina

 

È senz’altro uno dei luoghi che più ho amato a Malta. Per spiegarvi l’atmosfera che impregna questo luogo utilizzerò le parole di un lettore che me l’ha descritta in questo modo: “Medina alle due del pomeriggio, curioso elogio alla solitudine.”

Ed io ero lì sola, con il naso all’insù, come si era raccomandato Richard, pronta a cogliere la bellezza nei miei occhi. Screzi di colore, insegne, pietre, stemmi, balconi arabeggianti, bouganville che ricoprivano le facciate color ocra, maniglie a forma di creature marine.

Un tuffo nel passato, pur rimanendo ancorata al presente, mentre il cielo si tingeva di venature grigie, aumentando il fascino avvolgente di questa antica città.

 

Mdina

 

vicoli di Mdina

 

insegna di Mdina

Dingli Cliff 

L’ultima tappa della giornata è stata Dingli, uno dei punti panoramici più belli sull’isola. Qui potrete gustarvi il tramonto, osservare la campagna brulla che s’inonda di luce.

 

Dingli cliff

 

cavallo a Dingli cliff

 

ossrvando il tramonto a Dingli cliff

 

tramonto a Dingli cliff

3° giorno

Gozo

Ci si arriva tramite traghetto da Cirkewwa con partenze ogni 45 minuti e la traversata dura circa venti minuti. Il biglietto ordinario costa €4,75, ma se andate di sabato, il costo è €1,20.

Io ho festeggiato il mio compleanno su questa isola e non potevo scegliere meta migliore. Gozo merita una giornata intera, quindi riservatele una visita con calma.

Se avete poco tempo a disposizione, arrivati al porto di Mgarr, troverete numerosi bus per turisti che, al costo di €15, vi mostreranno le attrazioni più importanti dell’isola (il costo include un’audio guida in lingua italiana). A ogni tappa è possibile scendere e sostare un’ora. In alternativa, potrete utilizzare i bus di Gozo (le travel card sono valide su tutto l’arcipelago).

Descrivere Gozo brevemente sarebbe un sacrilegio, quindi dovrete attendere il prossimo post.

 

Gozo dal traghetto

vista di Gozo dal traghetto

 

Dwejra

Dwejra

Azure window

Azure Window, la finestra azzurra

Riuscire a vedere tutto in soli tre giorni a Malta è impossibile, ma ho già qualche motivo in più per tornare: Comino, Blue Grotto, Crystal Lagoon e Laguna Blu

 

Note importanti: 

Le corse degli autobus costano €1,50, ma io vi consiglio di acquistare la travel card di 12 single day journeys al costo di €15.

Per mangiare ho speso molto poco. Essendo tante le cose da vedere, non mi sono fermata mai e ho preferito acquistare pastizzi in vari chioschetti o pastizzerie e mangiarli mentre attendevo gli autobus. Il costo di queste prelibatezze varia dai €0,50 a €1 e una bottiglietta d’acqua viene €0,75.

I bus sono la nota dolente. Il trasporto pubblico a Malta è lento (a causa del traffico) e spesso gli autobus arrivano in ritardo. Alcuni autisti si rivelano scorbutici, ma non faccio mai di tutta un’erba un fascio, infatti mi è anche capitato di rapportarmi con altre persone più sorridenti e gentili.

 

 

 

 


Ti è piaciuto questo articolo? Allora condividilo con i tuoi amici! 

Eliana Lazzareschi Belloni
About me

Scrittrice, web content writer, viaggiatrice. Viaggio con il corpo, la mente e lo spirito. Adoro la natura, i suoi colori e i suoi profumi. Mi piace leggere, ascoltare e immaginare.

YOU MIGHT ALSO LIKE

monasteri delle Meteore
Monasteri delle Meteore: un viaggio spirituale nella natura
April 19, 2016
scorci e spiagge da vedere ad Amalfi in un giorno
Cosa vedere ad Amalfi in un giorno
April 12, 2016
Dwejra Gozo
Gozo: cosa vedere sull’isola di Calipso
February 24, 2016
Malta
Malta: colori, tradizioni e religione
February 09, 2016
Azure window a Gozo
Pagina di diario da Malta
February 02, 2016
turismo-sostenibile
Turismo sostenibile: il mio modo di vivere i viaggi.
January 26, 2016
Golfo dei Poeti
Viaggio sulle tracce di Lord Byron
January 17, 2016
pagoda su acqua
Gita a Suzhou: cosa vedere nella Venezia d’Oriente
January 12, 2016
viaggiatrice solitaria osserva tramonto sul mare
Riflessione di fine anno di una viaggiatrice solitaria
December 29, 2015

29 Comments

Futura
Reply febbraio 5, 2016

Ciao Eliana! Sono contenta che tu sia riuscita a vedere Mdina che è un vero gioiellino e a me purtroppo è mancata, però mi spiace che non hai goduto della spettacolare Blue Lagoon. In tre giorni soltanto in effetti era un po' dura fare tutto lì. :P Di certo se un giorno tornerò a Malta non lo farò più in agosto! Non me la sono goduta molto con tutto quel caos e gente esaurita. :D Bel post, mi dai motivo di tornarci con occhi diversi...

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply febbraio 6, 2016

    Anche a me dispiace tanto. Il tempo ci sarebbe stato anche, il problema era che alle 18.00 era buio e questa cosa mi ha limitato molto.
    Ti auguro di tornarci in tranquillità, ne vale davvero la pena.
    A presto.

Lucrezia & Stefano - in World's Shoes
Reply febbraio 5, 2016

Bellissimo articolo come sempre. Abbiamo visto Malta con i tuoi occhi e ci ha affascinato! Belle foto e bei colori... Che dire? Dovremo assolutamente andare e andremo fuori stagione. Poco ma sicuro.

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply febbraio 6, 2016

    Grazie mille! Malta è piena di colori, a ogni angolo c'era una porta, un balcone, una finestra colorata. Che meraviglia *_*
    Sono sicura che vi piacerà e che la vostra fotocamera coglierà tantissimi dettagli di luce e colore.

Diletta - Sempre in Partenza
Reply febbraio 5, 2016

Bella Malta! Ci sono stata diversi anni fa per una vacanza studio... uno dei ricordi più belli :) siamo stati un po' in giro in quelle due settimane (compresa Comino! Un PARADISO, vale la pena tornare anche solo per andare lì!), ma Marsaxlokk mi manca... ma è bellissima!
Mi piacerebbe poterci tornare quando è meno affollata, come hai fatto tu :)

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply febbraio 6, 2016

    Io purtroppo Comino non l'ho potuta visitare. In inverno non ci sono traghetti :(
    Un motivo per tornarci no? ;)
    A presto cara.

https://narrabondo.wordpress.com
Reply febbraio 8, 2016

Magnifica.
So anche che si festeggia un carnevale molto vivace.
che clima hai trovato?un saluto

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply febbraio 8, 2016

    Sì, anche a me hanno dello la stessa cosa sul carnevale.
    Un clima molto primaverile, come da noi ad aprile. Si stava divinamente.
    A presto :)

L'OrsaNelCarro
Reply maggio 5, 2016

Ho divorato tutti i tuoi post su Malta.
Tutto questo non fa altro che aumentare la mia voglia che passino presto i giorni che mi separano dalla partenza!
Se è incantevole in inverno figuriamoci d'estate!
Ho prenotato per fine giugno...spero di non trovare la ressa turistica estiva :D
Ps: l'acqua a 0,75 centesimi???? Sulla questione dell'acqua in viaggio ci tengo tantissimo, scrissi anche un post in merito. Bene, vedo che Malta sa come si fa turismo!
Un caro saluto
Daniela

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply maggio 5, 2016

    Ciao Daniela, vedrai che Malta ti piacerà tantissimo. Poi sono curiosa di conoscere le tue impressioni.
    Io l'acqua la comprai in un chioschetto proprio all'entrata di Valletta, quindi centro. Incredibile, vero?
    Divertiti e a presto! :)

Patrick
Reply novembre 21, 2016

Sono davvero felice se il mio racconto ti ha ispirato! La luce che c'era in inverno era davvero speciale e la ritrovo tutta nelle tue foto.

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply novembre 22, 2016

    Hai ragione, nonostante fosse inverno c'era una bellissima luce, irradiava tutti i paesaggi.
    Grazie per essere passato.

Benedetta
Reply gennaio 7, 2017

Ciao il tuo articolo mi ha reso più sicura sulla mia scelta di andare a malta il prossimo febbraio . Volevo sapere dove avevo alloggiati e quale è secondo te la posizione più comoda . GrZie mille

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply gennaio 7, 2017

    Ciao Benedetta,
    sono davvero felice :) Io per quel viaggio ho utilizzato couchsurfing ed ero a Bugibba. Ti consiglio di trovare qualcosa a Sliema o St. Julian perché più centrali. Lì sono concentrati anche i locali, ma in inverno è comunque abbastanza calma la situazione.
    Fammi sapere se ti servono altre info.
    Buon viaggio!

      Patrick Stephen Colgan
      Reply gennaio 7, 2017

      Couchsurfing! Bello, io feci airbnb perché volevo un minimo contatto con i locali ma come purtroppo accade sempre più spesso il contatto fu zero assoluto.

      Aggiungo che anche La Valletta non è male e di sera è piacevole, per quanto molto molto tranquilla.

        Eliana Lazzareschi Belloni
        Reply gennaio 7, 2017

        Anche a me piace tantissimo avere contatti con i locali, per questo quando posso opto per CS.
        Sì, ultimamente con airbnb è diventato difficile. In Toscana i proprietari mi hanno lasciato le chiavi sotto il tappetino e non li ho neanche incontrati :(

Giuseppe
Reply gennaio 8, 2017

Ho trovato il tuo articolo molto interessante Eliana, sarò a Malta fra tre giorni e sinceramente non ho organizzato luoghi precisi da visitare...mi hai dato un ottimo spunto.
Saluti
Guuseppe

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply gennaio 8, 2017

    Mi fa davvero tanto piacere Giuseppe.
    Ti auguro buon viaggio! :)

    carla
    Reply gennaio 30, 2017

    ciao Giuseppe volevo prenotare per Malta per un weekend in febbraio.. che clima hai trovato in gennaio?grazie mille per i tuoi suggerimenti carla

      Eliana Lazzareschi Belloni
      Reply gennaio 31, 2017

      Ciao Carla, in attesa della risposta di Giuseppe, io ti confermo che le temperature sono molto piacevoli in questo periodo (18-20 gradi). Ho letto una conversazione in un gruppo FB.

mattia
Reply gennaio 12, 2017

Ciao, bell'articolo!
Ma come ti spostavi sull'isola?

    Eliana Lazzareschi Belloni
    Reply gennaio 12, 2017

    Ciao Mattia, ti ringrazio.
    Mi sono spostata esclusivamente con i mezzi pubblici (autobus). Io ne avevo sentito parlare negativamente, ma non ho trovato grande inefficienza (a parte un po' di attesa).

Giuseppe
Reply febbraio 10, 2017

Perdobami Carla...ho letto solo ora...come diceva Eliana temperature gradevoli nonostante un po' di vento in quei giorni...per essere gennaio si stava benissimo...un pomeriggio l ho fatto praticamente a maniche corte...saluti
Giuseppe

    carla
    Reply febbraio 16, 2017

    ciao Giuseppe ed Eliana

    vado a malta settimana prossima, mi consigliate una zona dove soggiornare?
    grazie mille
    Carla

      Eliana Lazzareschi Belloni
      Reply febbraio 16, 2017

      Ciao Carla,
      puoi soggiornare a La Valletta (un po' più cara), in alternativa a Sliema o St. Julian. Io sono stata ospitata quindi non posso consigliarti strutture. Magari Giuseppe potrà suggerirti qualcosa.
      Poi fammi sapere se ti è piaciuta ;)

        carla
        Reply febbraio 16, 2017

        grazie mille Eliana..
        ero un po' in dubbio su La Valletta perché non amo molto le città, è vero però che inizia il carnevale proprio il giorno in cui arrivo per cui potrebbe valere la pena.
        vi faccio sapere
        grazie mille
        e ultreya!

          Eliana Lazzareschi Belloni
          febbraio 16, 2017

          Neanche io amo le città, ma ti renderai conto che le la parola 'città' a Malta è un parolone.
          Il Carnevale, che bello! Sono proprio curiosa.
          Buon viaggio e divertiti! :)

Giuseppe
Reply febbraio 17, 2017

Ciao Carla, io ero allo Sliema marina hotel, a Sliema appunto, di fronte hai la valletta raggiungibile in 7/10 min di traghetto...diciamo che è un buon compromesso in fatto di posizione perché da li ti puoi muovere bene sia che tu vada a sud o a nord dell'isola, anche fare una lunga passeggiata fino a Paceville è molto suggestiva.
Sono sicuro che qualunque posizione scegli non te ne pentirai comunque :)
Buona permanenza ciao

Giuseppe

    carla
    Reply febbraio 17, 2017

    Grazie Mille Giuseppe
    anche io mi stavo orientando su Sliema che mi sembra un buon compromesso :)
    grazie ancora a tutti e due
    Carla

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *