Relax nella Tuscia: tutte le terme di Viterbo


Stai pianificando un weekend a Viterbo e sei alla ricerca di qualcosa che ti rilassi?

In questo articolo ti suggerisco quello che fa per te!

Viterbo si colloca in un territorio che vanta un bacino idrotermale fra i più copiosi in Italia con acque ricche di sali di zolfo e bicarbonato di calcio. Ed ecco spiegato perché la cittadina offre un’ampia scelta di sorgenti per lo più iper-termali (da 40 a oltre 58°C).

Terme dei Papi:

Tra le terme di Viterbo più note ci sono le Terme dei Papi, un importante centro termale con una monumentale piscina di 2000 m2  e un moderno centro benessere con trattamenti naturali.

In epoca medievale le terme furono meta privilegiata di molti pontefici.

Le terme si chiamano “dei Papi” grazie all’intervento del pontefice Niccolò V, il quale trovando benefici nelle cure termali, nel 1450 fece costruire un palazzo in cui risiedere. Questa costruzione da allora fu chiamata “Bagno del Papa”. 

Infomazioni utili:

Le terme sono aperte tutto l’anno a orario continuato dalle 9.00 alle 19.00 (chiuse il martedì). L’ingresso alla piscina costa 12 euro nei giorni feriali e 18 in quelli festivi. C’è un servizio di bus navetta privato che parte tutti i giorni da stazione Tiburtina

 

terme dei papi

Terme Salus:

L’Hotel Salus Terme possiede un centro termale che offre tanti spazi per rilassarsi, totalmente immersi nel verde e nel silenzio. La struttura ha piscine sia esterne che interne, sauna, palestra e offre numerosi trattamenti. Consigliato per una fuga romantica dalla città per rigenerare mente e corpo. 

Informazioni utili:

Il costo di un’entrata giornaliera al percorso etrusco è di 35,00 a persona nei giorni feriali, 45 euro nel weekend (esclusi ponti e festività).

 

Terme naturali di Viterbo:

Non tutti sanno, però, che fra le terme di Viterbo si annoverano anche delle aeree libere e/o gratuite dove immergersi senza spendere nulla.

Le terme naturali di Viterbo sono piccole oasi di benessere in aperta campagna: le acque delle vasche e delle piscine provengono dal bacino idrografico dei Monti Cimini, conosciuti per la loro attività vulcanica sotterranea.

Ecco quattro terme naturali dove trascorrere gratis (o quasi) un weekend di totale relax a Viterbo.

Bullicame

Famose sin dall’antichità, le terme del Bullicame sono celebri perché Dante Alighieri le menzionò nel Canto XIV dell’Inferno, paragonando i vapori sulfurei della sorgente alle atmosfere degli inferi.

L’area del Bullicame comprende due piscine: una rotonda, da cui sgorga l’acqua a 58°C e una rettangolare con acqua a una temperatura più bassa. Il passaggio da una vasca all’altra è utile per la riattivazione della circolazione sanguigna.

Sul fondale del laghetto vulcanico è depositato un fango argilloso biancastro che si può applicare sulla pelle per levigarla.

Nella stessa area si trova una stele dove sono incisi i versi della Divina Commedia. Questo sito non è bello e curato come le Masse di San Sisto o il Bagnaccio, ma è molto importante a livello storico e geologico.

Informazioni utili:

Sebbene l’accesso al Bullicame sia gratuito, la zona è recintata e curata da dei volontari. L’orario di chiusura nel periodo invernale è alle 17 e in quello estivo alle 18.

Il parcheggio è libero e incustodito.

 

Bullicame

 

Bullicame

 

Bullicame

Bagnaccio

Le cinque vasche ad acqua calda del Bagnaccio si trovano all’interno di una proprietà privata. Dal 2013 il sito è gestito da un’associazione, che ne cura la pulizia quotidiana e la manutenzione.

L’ingresso è riservato ai soci che hanno sottoscritto un tesseramento annuale o ai frequentatori occasionali che decidono di sostenere l’associazione con un piccolo contributo di 5 euro.

Informazioni utili:

il parco termale è aperto tutto l’anno dalle 7 alle 24 ed è munito di cabine spogliatoi, aree pic-nic con tavolini, distributori automatici per il caffè, bevande e snack, bagni chimici e parcheggio.

 

terme di Viterbo Il Bagnaccio

 

Bagnaccio

io e la mia amica Eliana alle terme del Bagnaccio il 31 Dicembre

Piscine Carletti o “Le Pozze”

Le piscine Carletti sono conosciute dai viterbesi come “Le Pozze”, non stupitevi dunque se chiedendo indicazioni usando la denominazione “Piscine Carletti” nessuno saprà rispondervi.

Questa area termale è libera e caratterizzata dalla presenza di una vasca con acqua a una altissima temperatura e una dozzina di vasche che differiscono fra loro per dimensioni, forma e temperature. È così possibile avere un effetto “terme romane” e passare da una piscina all’altra, facendo il percorso frigidarium-tepidarium-calidarium.

Informazioni utili:

c’è un ampio prato dove è possibile parcheggiare. L’area è libera, dunque sprovvista di servizi.

Le Masse di San Sisto

Anche questa area termale è gestita da un’associazione ed è frequentata da soci tesserati e da visitatori occasionali che contribuiscono con una piccola quota (10 euro).

Vi sono due vasche, una con acqua calda e l’altra più tiepida (intorno ai 18 °C).

Informazioni utili:

c’è un ampio parcheggio, una piccola area adibita allo spaccio bevande, spogliatoi, bagni e area pic-nic.

 

Per raggiungere le aree termali è necessaria l’auto, poiché si trovano fuori dal centro di Viterbo.

 

 

 

 


Ti è piaciuto questo articolo? Allora fammi sapere cosa ne pensi! 

Eliana Lazzareschi Belloni
About me

Scrittrice, web content writer, viaggiatrice. Viaggio con il corpo, la mente e lo spirito. Adoro la natura, i suoi colori e i suoi profumi. Mi piace leggere, ascoltare e immaginare.

YOU MIGHT ALSO LIKE

San Pellegrino in fiore
San Pellegrino in Fiore (video)
May 11, 2017
ragazza a San Pellegrino a Viterbo
Caffeina Christmas Village: la magia del Natale a Viterbo
December 13, 2016
caldarroste offerte alle feste della castagna della Tuscia
Le feste della castagna della Tuscia: gli eventi da non perdere
September 16, 2016
tour-della-tuscia
Tour della Tuscia, fra turismo rurale e natura
July 15, 2016
Vallerano incantata
Vallerano Incantata: la magia del Natale nella Tuscia
January 02, 2016
visitare Montefiascone
Gita a Montefiascone: cosa vedere nel paese del vino
December 21, 2015
crepuscolo
Faggeta del Cimino: profumi d’autunno
October 20, 2015
vista di villa lante
Villa Lante, il giardino più bello d’Italia
September 05, 2015
tagliata vulsini
Corchiano e i suoi monumenti naturali
June 20, 2015

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *